Toyota Rav 4

Rate this item
(0 votes)
Tuesday, June 18, 2013 12:51

Sono ormai trascorsi ben 19 anni dalla prima apparizione della Toyota Rav4, che oggi subisce il suo ennesimo restyling, decisamente più convincente degli altri passati. Nettamente rivisitati risultano sia gli interni che gli esterni, con un tasso qualitativo dal più alto profilo e migliorie apportate sia dal punto di vista dell'ergonomia che da quello delle finiture. 

I nuovi futuri acquirenti potranno dunque ammirare un'auto rigenerata, dall'abitacolo più spazioso e razionalmente organizzato, con una distanza maggiorata tra i sedili anteriori e posteriori (970mm), e delle dimensioni esterne leggermente aumentate. ll gap rispetto al passato si aggira intorno ai 20 centimetri, rispetto alla Crossover e 12 alla Classic, fino ad arrivare a 4.57 metri, decisamente negli standard della concorrenza. 

Il pilota inoltre potrà giovare di una posizione rialzata finalmente rivista e corretta dalla casa, che in quest'auto non impedirà affatto una corretta visibilità della strada. Tutto ciò di cui abbiamo bisogno è a portata di mano, esempio di una disposizione degli accessori interi altamente studiata. La console centrale è molto affascinante, con una buona disposizione, nella parte bassa, delle uscite Aux e Usb. L'intero sistema multimediale può essere facilmente gestito attraverso il monitor di sistema, che offre un navigatore (non di serie ma richiedibile con un'aggiunta di 950 euro) con ben tre anni di mappe e relativi aggiornamenti inclusi. Ottima infine la connettività con gli smartphone, che possono essere abilitati e registrati, così da accedere facilmente al web dal proprio dispositivo, o far partire in pochi istanti una telefonata con i comandi vocali dall'ottimo riconoscimento vocale attraverso la connessione Bluetooth.

Il comparto posteriore rispetta le promesse fatte dalla casa, con un maggior spazio, soprattutto se si è in due. Un viaggio con tre passeggeri nel retro non è di certo un incubo, ma chi si ritroverà seduto al centro, nonostante il tunnel ribassato, non potrà usufruire della comodità garantita al 100% a chi gli siede ai lati, con ampio spazio sia per i piedi che per la testa. Una tipica famiglia di quattro persone però sarà ben felice di trascorrere delle ore in questo veicolo, potendo anche sfruttare il vero punto di forza di questo abitacolo, il bagagliaio, che offre ben 465 litri, espandibili con altri 131 litri, solitamente però occupati dalla ruota di scorta.

Un nuovo livello è stato raggiunto per quanto riguarda la trazione integrale, che ora offre un monitoraggio continuato di Esp e servosterzo, interagendo con questi elementi per una migliore resa del veicolo in strada. Inoltre è a disposizione del pilota il tasto Lock, così da poter affrontare anche i sentieri sterrati. Purtroppo però, nelle versioni manuali, non è presente l'opzione anti slittamento, utile quando l'auto si ritrova ad affrontare delle discese. 

La versione diesel pare concedere una potenza in parte minore rispetto a quello che la cilindrata l'ascerebbe attendere. Ad ogni modo non c'è delusione nella resa, dal momento che si recupera terreno in quanto a spinta decisa e continuata fin dai regimi base. Si tratta di un'auto che adora la strada ed è palesemente ricambiata, con una buona insonorizzazione per non infastidire i passeggeri e il pilota quando si è in modalità souplesse. E' preferibile però utilizzarla in modalità automatica, anche se sfruttare in maniera manuale il cambio a sei marce, oltre a essere emozionante come sempre, è decisamente sicuro e facile da manovrare, anche se la frizione non risulta essere delle più amichevoli in circolazioni (un po' dura ma nulla di più). Infine, avendo qualcuno sollevato dubbi sull'assenza dello Start&Stop, va precisato che i consumi non sono affatto eccessivi, attestandosi sui 13 con un litro, con un buon regime mantenuto anche in città. 

In conclusione il vero cambio risiede nell'abitacolo, dove finalmente si avrà tutto lo spazio necessario per muoversi in libertà e non sentirsi oppressi, cosa che per natura un SUV non dovrebbe mai fare. Va detto però che se prima quest'auto non si distingueva particolarmente nell'approccio ai terreni sterrati, nessun miracolo è stato compiuto ora, anche se la migliorata trazione integrale e il tasto Lock aiutano molto da questo punto di vista, consentendo di fronteggiare in maniera più che dignitosa sia terreni innevati che generalmente "difficili". 

Il costo del modello base è di 23.500 euro, in offerta per i primi due mesi. Cifra che sale fino a 28.600 euro per chi desiderasse l'allestimento Active.

 

Read 1231 times Last modified on Monday, 24 June 2013 16:26

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand

Ti interesserà pure