Sono ormai trascorsi 50 anni da quando uno dei più celebri modelli Porsche, la 911, si fece conoscere al mondo nel 1963 e ora, per rendere onore a un pezzo di storia dell'automobilismo mondiale, la casa tedesca presenterà al Salone di Francoforte una nuova 911, in un'esclusiva edizione celebrativa, di cui saranno prodotti soli 1963 esemplari.

Il nome completo di questo nuovo gioiello marcato Porsche sarà 911 50 Years Edition che, oltre a presentare la classica sinuosità dei modelli che l'hanno preceduta, mescola una fisionomia quasi del tutto aderente a quelli della Carrera S, con una carrozzeria che, soprattutto per quanto riguarda i passaruota montati nella parte posteriore, che risultano maggiormente allargati, così come nella Carrera 4. Decisamente particolare sarà il cofano che, oltre all'immancabile stemma commemorativo raffigurante il numero "50", presenterà ben nove listelli, interamente cromati. Inoltre le ruote avranno dei cerchi in lega da 20 pollici, che richiameranno quelli della 911 del 1963. Gli anni '60 saranno poi ripresi anche dalla tipologia dei tessuti scelti per rivestire gli interni dell'auto, che faranno sfoggio di loghi facenti riferimento all'anniversario, cuciti sui poggiatesta, oltre che dal quadro strumenti. Gli specchietti retrovisori inoltre saranno del tutto esclusivi, marcati SportDesign, mentre il cambio, ideato da Porsche Exclusive appositamente per questo modello, sarà interamente ricoperto da alluminio spazzolato. La parte frontale della carrozzeria sarà caratterizzata da prese d'aria poste esattamente al di sotto delle luci al led utili per la guida diurna, prese interamente cromate, ai cui lati saranno posizionati dei gruppi ottici con sistema adattativo. Cromature caratterizzeranno inoltre anche i contorni dei finestrini e la parte posteriore dove, nella parte inferiore, due profili riuniranno i gruppi ottici, posti esattamente al di sopra della targa commemorativa.

 

porsche-911-50-anni


Per quanto riguarda invece l'equipaggiamento di questi 1963 esemplari di "Noveunouno", sarà disponibile il PTV, ovvero il Porsche Torque Vectoring, che per i meno esperti è un sistema di ripartizione, agente sull'asse posteriore dell''auto, che presenterà un differenziale con slittamento limitato. Inoltre, per poter compensare al meglio l'aumentata larghezza scelta per la carreggiata, sarà montato anche un sistema "PASM", ovvero un Porsche Active Suspension Management, per garantire all'auto una dinamica di categoria superiore in particolar modo in curva. Qualità e soprattutto carattere sono rimasti gli stessi di 50 anni fa, come dimostra anche l'aggiunta di uno scarico dall'animo decisamente sportivo. I tempi però sono ormai cambiati e l'interno dell'abitacolo non può far a meno di sottolineare le 5 decadi trascorse. In particolare il pilota avrà a disposizione un display integrato a colori e interamente touch, dalla grandezza di 4.6 pollici, un climatizzatore automatico e un sistema Porsche Communication Management, che comprende sia navigatore di ultima generazione che sistema satellitare integrato. Senza dimenticare inoltre che le strade percorse saranno illuminate da splendidi fari Bi-Xenon.

Al di sotto del cofano posteriore sarà custodito un motore boxer da 3.8 litri con una potenza di 400 cavalli. Alla guida sarà possibile raggiungere i 100 km/h da 0 in soli 4.5 secondi, con due decimi di secondo in meno se il cambio installato è il PDK, con una velocità massimale raggiungibile pari a 300 km/h. I consumi previsti sono di 12.6 km percorribili con un litro di carburante, mentre per quanto riguarda le emissioni scaturite, queste si attestano intorno ai 224 grammi per chilometro.

L'auto sarà mostrata pubblicamente a partire dal prossimo 12 settembre, quando aprirà i battenti il Salone di Francoforte 2013, che si concluderà il 22 settembre. Al momento i costi restano ignoti, che è chiaro però non saranno alla portata dei più comuni portafogli, essendo questa un'edizione limitata. Ciò che è certo però è che la scelta dei colori per la carrozzeria sarà limitata a due varietà cromatiche, entrambe tendenti a tonalità alquanto scure, un grigio Geyser e un grigio Grafite.

 

Negli ultimi vent'anni, il settore dell'industria automobilistica ha conosciuto uno sviluppo tecnologico senza precedenti, che ha consentito a chi è alla guida di beneficiarsi di una serie continua di innovazioni che favoriscono la guida e la rendono più comoda, sicura e piacevole.
Negli ultimi tempi, in particolare, l'attenzione degli addetti ai lavori del settore si è concentrata sull'invenzione di applicazioni per smartphone sempre nuove che consentano di facilitare la guida.
Grazie alla continua introduzione di nuove 'App' da installare sul proprio dispositivo mobile, gli automobilisti possono beneficiarsi di una vasta gamma di funzionalità addizionali: non solo le 'classiche' previsioni del tempo, informazioni sul traffico in tempo reale, mappa autovelox, navigatore GPS, ma anche applicazioni espressamente pensate per controllare lo stato di usura del proprio veicolo, i consumi, le spese, ricordare le scadenze 'burocratiche' (rinnovo assicurazione, effettuazione revisione ministeriale obbligatoria, pagamento bollo annuale).
Sono poi disponibili anche varie applicazioni che aiutano a trovare parcheggio (libero o al prezzo più basso, a seconda delle impostazioni), ad individuare il distributore di carburante più economico nelle vicinanze e a far risparmiare denaro sui servizi accessori come per esempio la ristorazione o il pernottamento.
Una delle 'App' senza dubbio più diffuse ed apprezzate è il navigatore satellitare, disponibile per dispositivi Apple, Windows Mobile e Android, basato generalmente sulla piattaforma Google Maps.
Spesso il 'pacchetto base' con le mappe italiane è gratuito, ma quasi sempre è necessario pagare per inserire anche la navigazione vocale e le mappe dei paesi stranieri.
Oltre a Google Maps sono estremamente interessanti anche Map Quest (disponibile però solamente in lingua inglese) e CoPilot GPS.
Quest'ultima applicazione, in particolare, scarica tutta la cartografia sulla memoria del dispositivo, e pertanto può lavorare anche 'offline': l'ideale per chi non ha un piano tariffario flat di connessione ad internet installato sul proprio cellulare. La versione base è gratuita, ma per avere ulteriori opzioni - limiti di velocità, autovelox, mappe 3D, navigazione vocale - è necessario pagare 10,99 euro.
Per chi desidera risparmiare ulteriormente, l'ideale è Navfree, disponibile per tutti i dispositivi mobili in versione completamente freeware.
Per quel che riguarda le applicazioni anti-traffico, quella sicuramente più apprezzata è Waze: basata sulle segnalazioni in tempo reale di circa trenta milioni di utilizzatori, stabilisce il percorso migliore per evitare ingorghi e rallentamenti.

 

app-per-auto-waze


Un'importante facilitazione agli automobilisti è rappresentata inoltre dalle varie applicazioni che consentono di trovare parcheggio, impresa spesso estremamente difficile nei caotici centri cittadini della maggiori città italiane.

Parkopedia Parcheggi, disponibile gratuitamente per Android e a pagamento per iPhone (1,79 euro) e Windows Phone (2,49 dollari), aiuta a trovare un luogo sicuro dove parcheggiare la propria auto, fornendo contestualmente informazioni sul costo e sugli orari di apertura.
A volte poi, nel traffico cittadino, gli automobilisti devono concentrarsi per ricordare il luogo dove avevano posteggiato il loro veicolo alcune ore prima, rischiando di perdere ore alla sua ricerca: Augmented Car Finder (Apple) e Park Me Right (Android) risolvono il problema. Queste due 'App' consentono di memorizzare la posizione del veicolo non appena scesi dall'auto e di ritornare in seguito alle coordinate registrate, sfruttando il dispositivo GPS del telefono.
Entrambe le applicazioni sono gratuite.
Per quel che riguarda il controllo delle spese della propria auto, l'applicazione Prezzi Benzina, sviluppata dai proprietari dell'omonimo portale web, consente di individuare la stazione di servizio con i prezzi più economici per il carburante desiderato (benzina 95/98 ottani, gasolio, gas GPL e metano).

 

Ti interesserà pure: Crab Supergrip il supporto auto per il tuo smartphone

 

Chi di noi non usa il cellulare in auto, con le dovute precauzioni, s'intende?
Ebbene, ormai dunque è importante avere un pratico supporto affinché il nostro smartphone sia facilmente utilizzabile mentre si è alla guida. In molti usano ad esempio, una delle ultime novità sul mercato: quello che è considerato il più innovativo ed evoluto supporto da auto. Si tratta del Crab Supergrip, un solido supporto con ventosa realizzato in plastica per lo smartphone, prodotto da CellularLine. E' universale, dunque adatto a tutti i tipi di smartphone in commercio, e la sua grande "pinza" è dotata di due mini cuscinetti in gomma, realizzati appositamente per non rovinare i cellulari destinati a sorreggere e per aumentare la loro stabilità. E' anche possibile inserire i cellulari con la loro custodia in quanto il morsetto a molla risulta essere particolarmente elastico. E questo grazie alla tecnologia Flex Power. Il sistema a levetta permette inoltre di rimuovere il cellulare in ogni momento, quando lo si desidera, anche durante la guida, e senza sforzo particolare, impedendo così al guidatore di distrarsi a lungo. Tuttavia per l'Iphone esiste una versione dedicata di Crab Supergrip. La pinza si apre manualmente e sarà possibile in maniera molto semplice, posizionare il suo smartphone all'interno. L'accessorio aderisce perfettamente sia al cruscotto che al vetro del parabrezza dell'auto. Resiste alle torsioni, alla trazione e soprattutto alle vibrazioni, si posiziona semplicemente e si può orientare in ogni senso. La ventosa, a differenza di altri tipi di supporti, è resistente anche al calore e non subirà variazioni nemmeno dopo diverse ore sotto il sole, continuando ad aderire perfettamente alla superficie dell'auto dove è stata sistemata. Non sono necessari dunque adesivi ulteriori per il fissaggio del supporto. La ventosa inoltre è rivestita di uno speciale materiale antigraffio: una volta rimossa dalla superficie dove è stata applicata, i segni lasciati da essa sul vetro o sul cruscotto, si tolgono facilmente con un panno e un po' d'acqua. 

 

prezzo-crab-supergrip-porta-cellulare-auto


Il braccio del Crab Supergrip non è molto lungo e, anche con un cellulare più pesante e ingombrante della media, risulta essere particolarmente stabile e resistente agli sballottamenti e alle vibrazioni. Lo smartphone, grazie al Crab Supergrip, potrà essere orientato in ogni senso, sia in orizzontale che in verticale, in pochissimi secondi, anche durante la guida. Dettaglio fondamentale nel caso in cui lo smartphone sia utilizzato come navigatore. Inoltre, grazie al suo design ultra compatto, ergonomico e soprattutto poco ingombrante, il nuovo supporto per smartphone destinato all'automobile, non disturba la vista durante la guida, dettaglio da non sottovalutare al momento dell'acquisto.
Il prezzo di questo accessorio si aggira attorno ai 30 euro ed è in linea con la concorrenza.

 

La Citroen C5 è una berlina quattro porte che seppure pensata per un'utenza business non disdegna di essere una vettura familiare a tutti gli effetti. Sono state previste due versioni: la VTR, il modello entry-level, ed una versione VTR+ pensata per coloro che desiderano il massimo della comodità e del comfort. Qualunque sia la versione prescelta si otterrà un veicolo estremamente confortevole, perfetto per divorare chilometri sulle lunghe distanze.

La nuova Citroen C5 si inserisce in un segmento di mercato già particolarmente affollato. Nonostante ciò, grazie alle numerose novità introdotte, ha tutte le carte in regola per affermarsi e riscuotere successo tra gli automobilisti europei. A contendergli il trono di regina del segmento vi sono veicoli quali la Ford Mondeo, la Opel Insignia e la Volkswagen Passat.

Nella definizione della Citroen C5 i progettisti francesi hanno attinto a piene mani dalla sorella maggiore C6, alla quale il modello minore si ispira notevolmente a partire dal muso arrotondato con la presenza della griglia anteriore per finire al tipico lunotto concavo. Gli interni risultano di particolare pregio con inserti in legno, sedili in pelle ed una serie di optional di serie.

 

citroen-c5-interni

Nella prova su strada le sospensioni hanno positivamente sorpreso per l'elevato assorbimento degli urti; abbinate alla presenza di vetri stratificati riescono a donare un comfort ed una silenziosità di guida davvero eccezionale. Diverse le motorizzazioni disponibili. Il top di gamma prevede un motore da 2.0 litri HDI nel caso si scelga l'alimentazione a benzina oppure un propulsore V6 da 3.0 litri nel caso si opti per il diesel. In entrambi i casi le prestazioni risultano essere in linea tra loro benché, come risaputo, la prima soluzione consenta di avere minori costi di gestione.

Il debutto sul mercato della Citroen C5 non è stato dei più semplici. Le prime vetture hanno subito diversi richiami in fabbrica per problemi di natura elettrica e meccanica. Nonostante ciò, superata la fase di test iniziale la C5 sembra aver raggiunto una notevole stabilità ed affidabilità. A testimonianza di ciò la berlina della nota casa francese può vantare un Euro NCAP crash test a cinque stelle oltre al controllo elettronico di stabilità di serie.

Come di consueto per le berline lo spazio interno a disposizione dei passeggeri è davvero notevole. Tra l'altro la possibilità di piegare il sedile posteriore contribuisce ad aumentare la versatilità della vettura e permetterne il suo impiego anche in condizioni non proprio "ortodosse". Viceversa il bagagliaio di 439 litri, seppure ampio, risulta essere inferiore ai volumi tipici presenti su autovetture della stesso segmento di mercato come la Ford Mondeo che viceversa dispone di un bagagliaio di ben 528 litri.

La Citroen C5 viene venduta ad un prezzo di 23.000€ riferito però all'assetto base VTR. Qualora si voglia disporre di tutti i notevoli optional dei quali è dotata la vettura il prezzo lievita intorno ai 35.000€. In quest'ultimo caso si potrà disporre dei cerchi in lega, del navigatore satellitare, aria condizionata bi-zona, connettività bluetooth e sensori di parcheggio installati nel paraurti posteriore.

 

Attualmente, il navigatore per auto è sicuramente uno degli accessori più utili da installare sulla propria auto.
Con una spesa che normalmente supera di poco il centinaio di euro è possibile avere, concentrati in poche decine di grammi, il contenuto di un atlante stradale e di una guida turistica, con la possibilità di conoscere il posizionamento di stazioni di servizio, punti d'attrazione, hotel, stazioni ferroviarie, aeroporti, autovelox fissi e decine di altri 'punti di interesse'.
Attualmente sono presenti sul mercato decine di navigatori satellitari diversi: è bene sapersi orientare nell'acquisto per trovare quello più adatto alle proprie esigenze, senza spendere denaro per nulla.
Esaminando attentamente quanto viene attualmente offerto dal mercato, è possibile restringere la scelta a sei modelli che, per un prezzo leggermente superiore alla media, offrono una gamma completa di funzioni, un design invidiabile e la promessa di una lunga vita utile.


Attualmente, il leader del mercato dei navigatori è il Tom Tom Go 720. Questo fa propria un'interessantissima funzione di 'riconoscimento vocale', che permette di dettare al navigatore satellitare l'indirizzo da raggiungere, semplificando così la procedura, che può essere effettuata anche nel traffico, senza staccare pericolosamente una mano dal volante.
Un altro punto a favore del navigatore olandese è senza dubbio la funzione 'map share', che consente di condividere con gli altri utenti del prodotto eventuali modifiche alla viabilità non contenuti nella mappa originale, permettendo così di aggiornare quasi in tempo reale il Tom Tom.
Uno dei pochi punti a sfavore del Tom Tom Go 720 è la tenuta della ventosa, che non sempre aderisce alla perfezione al vetro dell'abitacolo.
La concorrenza della casa olandese è comunque estremamente agguerrita.

 

tomtom-go720


Il gruppo degli 'inseguitori' viene guidato dalla casa statunitense Garmin, che con il suo Nuvi 760 offre un prodotto di eccellente qualità.

Uno dei punti di forza del Garmin Nuvi 760 è senza dubbio la funzione 'text to speech', che consente di visualizzare i nomi delle vie direttamente sulla mappa, facilitando così la guida.
Altro punto di forza, la cartografia che può essere sia a due che a tre dimensioni.
Ottimo il sistema di fissaggio al vetro. Antenna Tmc di serie.
Per quel che riguarda il database POI, quello fornito di serie con il prodotto è estremamente vasto ed esauriente. Nel caso si decidesse di aggiungere nuovi POI, è però necessario installare un programma sul proprio PC e inserirli nel navigatore in maniera un po' macchinosa.


Altro prodotto eccellente è il Traffic Assist 7827 di Becker.
Tra i punti di forza di questo navigatore, senza dubbio è da rilevare l'opzione 'street view', che consente di visualizzare gli svincoli stradali e i cartelli in maniera realistica, facilitando la guida.
Altro punto di forza, la presenza di una porta usb che consente di allacciare dispositivi multimediali. Antenna Tmc di serie.
Ottima la fattura (la struttura è in alluminio), buona la ventosa.
Troppo sintetico il supporto vocale; manca il bluetooth.


Il Navigon 7110, che si fa notare per il suo design estremamente seducente, presenta un software uguale a quello del Becker e un funzionamento simile. 
Difficili da inserire i punti di interesse provenienti da sorgenti esterne; sono presenti i bluetooth ed è possibile effettuare una chiamata in viva-voce con il proprio telefono cellulare.
Il Via-Michelin X980T, prodotto pensato per essere un'appendice multimediale delle famose guide (verde e rossa) della casa francese, ha un design abbastanza datato, compensato da un contenuto tecnologico di ultimissima generazione: lettore Mp3, connessione bluetooth, aggiornamento in tempo reale grazie alla rete del telefono cellulare.
Navigazione precisa e veloce, voce nel complesso fluida.

Navigon-7110
L'ultimo navigatore esaminato è il C620 - Mio Technology, caratterizzato da un prezzo relativamente basso e da un'eccellente cartografia firmata Tele Atlas.
Peculiare l'interfaccia: lo schermo viene diviso a metà: a sinistra la mappa stradale, a destra le indicazioni e le icone per accedere alle funzioni del navigatore.
Interessanti le possibilità di personalizzazione degli itinerari (più breve, più veloce o consigliato dal navigatore).
Notevole la presenza delle mappe dei centri storici delle principali città europee, con la possibilità di vedere in 3D i maggiori monumenti.
Non troppo buona l'autonomia quando viene alimentato a batteria: intorno alle tre ore.

 

Page 1 of 2

script payclick

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand