La Citroen C5 è una berlina quattro porte che seppure pensata per un'utenza business non disdegna di essere una vettura familiare a tutti gli effetti. Sono state previste due versioni: la VTR, il modello entry-level, ed una versione VTR+ pensata per coloro che desiderano il massimo della comodità e del comfort. Qualunque sia la versione prescelta si otterrà un veicolo estremamente confortevole, perfetto per divorare chilometri sulle lunghe distanze.

La nuova Citroen C5 si inserisce in un segmento di mercato già particolarmente affollato. Nonostante ciò, grazie alle numerose novità introdotte, ha tutte le carte in regola per affermarsi e riscuotere successo tra gli automobilisti europei. A contendergli il trono di regina del segmento vi sono veicoli quali la Ford Mondeo, la Opel Insignia e la Volkswagen Passat.

Nella definizione della Citroen C5 i progettisti francesi hanno attinto a piene mani dalla sorella maggiore C6, alla quale il modello minore si ispira notevolmente a partire dal muso arrotondato con la presenza della griglia anteriore per finire al tipico lunotto concavo. Gli interni risultano di particolare pregio con inserti in legno, sedili in pelle ed una serie di optional di serie.

 

citroen-c5-interni

Nella prova su strada le sospensioni hanno positivamente sorpreso per l'elevato assorbimento degli urti; abbinate alla presenza di vetri stratificati riescono a donare un comfort ed una silenziosità di guida davvero eccezionale. Diverse le motorizzazioni disponibili. Il top di gamma prevede un motore da 2.0 litri HDI nel caso si scelga l'alimentazione a benzina oppure un propulsore V6 da 3.0 litri nel caso si opti per il diesel. In entrambi i casi le prestazioni risultano essere in linea tra loro benché, come risaputo, la prima soluzione consenta di avere minori costi di gestione.

Il debutto sul mercato della Citroen C5 non è stato dei più semplici. Le prime vetture hanno subito diversi richiami in fabbrica per problemi di natura elettrica e meccanica. Nonostante ciò, superata la fase di test iniziale la C5 sembra aver raggiunto una notevole stabilità ed affidabilità. A testimonianza di ciò la berlina della nota casa francese può vantare un Euro NCAP crash test a cinque stelle oltre al controllo elettronico di stabilità di serie.

Come di consueto per le berline lo spazio interno a disposizione dei passeggeri è davvero notevole. Tra l'altro la possibilità di piegare il sedile posteriore contribuisce ad aumentare la versatilità della vettura e permetterne il suo impiego anche in condizioni non proprio "ortodosse". Viceversa il bagagliaio di 439 litri, seppure ampio, risulta essere inferiore ai volumi tipici presenti su autovetture della stesso segmento di mercato come la Ford Mondeo che viceversa dispone di un bagagliaio di ben 528 litri.

La Citroen C5 viene venduta ad un prezzo di 23.000€ riferito però all'assetto base VTR. Qualora si voglia disporre di tutti i notevoli optional dei quali è dotata la vettura il prezzo lievita intorno ai 35.000€. In quest'ultimo caso si potrà disporre dei cerchi in lega, del navigatore satellitare, aria condizionata bi-zona, connettività bluetooth e sensori di parcheggio installati nel paraurti posteriore.

 

Sportiva ma pratica. Si può definire così in due parole la nuova BMW 320d Touring, protagonista della prova su strada che andiamo a descrivervi, un’auto che fin dal primo impatto visivo è chiaramente riconoscibile come componente della serie 3 della casa di Monaco per il suo design estremamente moderno e ricco di particolari. Con una linea sportiva, caratterizzata dal cofano affilato con la sempre più classica calandra accostata ai fari allungati, e dalle fiancate con le nervature in evidenza, è stata oggetto di un piccolo aumento nella lunghezza che ora arriva a 4260 mm, ed ospita il motore 3.0 turbodiesel da 184 cavalli che si è dimostrato da subito pronto e vigoroso, ma nello stesso tempo tra i migliori della categoria dal punto di vista del consumo. I contenuti tecnologi della BMW 320d Touring e la qualità generale della vettura sono ancora una volta all’altezza della tradizione della casa tedesca. Le linee dinamiche della 320d Touring sono completate dal profilo del padiglione posteriore con i gruppi ottici che proseguono fino alle fiancate, dalla minigonna che salendo verso la parte posteriore della vettura danno un senso di continuità alle linee, e dalle barre, che sono però un optional. Molto ampio il bagagliaio, che risulta molto capiente se paragonato alle dimensioni della vettura con i suoi 495 litri di capacità in assetto normale, e che salgono a 1500, con il sedile posteriore abbassato. Gli interni della 320d Touring sono nel tipico stile della casa bavarese con l'impiego di materiali di pregio. La plancia strumenti è estremamente funzionale e consente al guidatore di avere a portata di mano tutti gli elementi di comando. Molte le modanature sulla plancia sia dal lato guidatore, che è asimmetrica, che dal lato passeggero. Entrambi i passeggeri hanno un buon accesso alla consolle centrale che contiene l'iDrive Controller, il cui monitor dal display sottile e con alta risoluzione è posizionato sulla plancia strumenti.

 

Test-drive-BMW-3-serie-Touring-320d

 

Il motore 2.0 turbodiesel ha la classica architettura a 4 cilindri in linea, con 184 CV di potenza ed una coppia max di 380 Nm tra i 1750 ed i 2750 giri, ed è abbinato ad un efficiente cambio automatico a 8 rapporti ( optional ), veloce quando si adotta una guida sportiva ma capace anche di innesti quasi impercettibili quando il conducente cerca nella vettura più il confort che la sportività. Se si sceglie la modalità Eco Pro, non appena si raggiungono i 70 chilometri orari si inserisce il rapporto, sfruttando al meglio la coppia del motore e migliorandone l’efficienza ed il consumo. Oltre alla modalità Eco Pro, il cambio può essere utilizzato anche nelle modalità Comfort, Sport e Sport+, ognuna con le sue caratteristiche peculiari; ad esempio con le opzioni Sport e Sport+ le sospensioni elettroniche si irrigidiscono, ed il cambio innesta la marcia superiore ad un regime di rotazione del motore più elevato, mentre l’ESp + meno invasivo e lo sterzo diviene più pronto nella risposta. In ogni situazione comunque la guida della 320d Touring è agile e precisa. Nella versione base il cambio è manuale a 6 marce. La dotazione di serie della 320d Touring supera sicuramente l’indispensabile e comprende tra gli altri anche il sistema start e & stop automatico, i cerchi in lega da 17 pollici a razze multiple styling 414 con pneumatici 225/50 R17 runflat, gamma completa di airbag lato guida e passeggero, airbag laterali e airbag per la testa anteriori e posteriori, ed i fari bixeno con anelli luminosi a LED; esaminata dall’Euro NCAP ha superato i crash test con la massima valutazione possibile di cinque stelle. Il prezzo di listino di 41600 Euro della versione XDrive Touring Sport non è certo accessibile a tutti, e deve essere considerato come una base di partenza, in quanto la valorizzazione completa della vettura si ottiene solo aggiungendo optional a pagamento, come il cambio automatico, le sospensioni elettroniche ed i sensori di parcheggio. La gamma della nuova BMW serie 3 Touring comprende ben 69 versioni tra le diverse motorizzazioni ed allestimenti realizzabili, alimentate sia a benzina che a gasolio. La più piccola è la serie 316i con prezzi da 32350 Euro ( allestimento base ) a 37450 Euro ( allestimento MSport ), che monta un motore 1,6 sovralimentato a benzina da 100 cavalli, la più grande la serie 330d che parte dai 47300 Euro ella versione base 330dA Touring e raggiunge il top di gamma con la 330dA XDrive Touring Sport venduta a 54600 Euro. La serie 330d monta un propulsore sovralimentato a gasolio, 6 cilindri in linea di 2993 cc di cilindrata ed una potenza di 258 cavalli ed ha di serie il cambio automatico ad 8 rapporti.

 

Fin dal suo ingresso sul mercato avvenuto oltre quindici anni fa, la Mercedes Classe A ha saputo attrarre un nutrito gruppo di ammiratori ed appassionati, decretando nel corso degli anni il definitivo successo della piccola di casa Mercedes. Sin dalla prima versione, la Classe A è nata con l'intento di ereditare dalle sorelle maggiori tecnologia e qualità costruttiva riuscendo a concentrarle in una vettura destinata alle famiglie o in generale ad un utilizzo non necessariamente "business".


La terza generazione della Mercedes Classe A è molto più che un semplice lifting della precedenti versioni. I progettisti hanno deciso di ridisegnare interamente la vettura distanziandosi parecchio dal concept passato. Il risultato sembra essere davvero molto convincente. La nuova Classe A ha acquisito uno stile molto più aggressivo e dinamico ed ha lanciato definitivamente il suo guanto di sfida alla BMW Serie 1 con la quale è possibile scorgere non poche analogie.

Gli interni rappresentano un giusto connubio di ergonomia ed eleganza. La Classe A è equipaggiata di serie con un climatizzatore, computer di bordo e comandi al volante oltre a numerose tecnologie di ultima generazione come il sistema di comando vocale Voicetronic.

test-drive-mercedes-classe-a

Come da tradizione Mercedes, particolare cura è stata messa nell'implementazione dei sistemi di sicurezza e assistenza alla guida. Ciò ha permesso alla Classe A di ottenere le cinque stelle Euro NCAP nei crash test effettuati nel 2012. La vettura monta di serie il sistema ESP oltre al meccanismo di "Collision Prevention" pensato per assistere il guidatore in caso di imminente incidente.

La Mercedes Classe A concentra al suo interno numerose tecnologie finalizzate a rendere l'esperienza di guida davvero unica e confortevole. Il piacere di guida è ulteriormente migliorato grazie alla presenza di sistemi multimediali e di navigazione all'avanguardia oltre ai sistemi di assistenza come il Park Assist e l'ausilio per la partenza in salita.

Anche le dimensioni hanno subito numerose modifiche. La nuova Classe A ha tutte le carte in regola per poter essere classificata come una vera e propria berlina. Il nuovo assetto ha portato ad un abbassamento di 160 mm del telaio oltre ad un allungamento di pari entità del veicolo. Il risultato è una vettura dal profilo molto più sportivo e audace.

Particolarmente numerosi gli allestimenti tra i quali è possibile scegliere. Son ben 28 le diverse combinazioni che comprendono sia motorizzazioni a benzina che diesel. Il prezzo parte dai 23.320 euro della versione A180 executive per arrivare ai 44.000 euro della A 45 AMG 4Matic.

 

 

script payclick

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand