Personalizzare la propria auto è il sogno di tantissimi automobilisti. Il problema sta nel scegliere gli accessori migliori, con un ottimo rapporto qualità prezzo, e che siano stati provati anche da altri utenti, che ne hanno avuta un’ottima impressione. 

In queste righe proveremo a riassumere gli accessori Tuning che hanno avuto un’enorme vendita e che sono sinonimi di garanzia e qualità.

Ad esempio, nell’ambito delle sospensioni, interessante è l’assetto a ghiera KW Clubsport. Questi ammortizzatori sono stati sviluppati per Toyota GT86, Scion FR-S e Subaru BR-Z. Il Clubsport 2-vie ha in dotazione molle racing speciali, con un aspetto ancora più sportivo rispetto alla categoria.

La taratura in estensione e comprensione, misurabile rispettivamente in 16 scatti e 12 scatti, è regolabile tramite il nuovissimo sistema a click con rotella. Con questo tipo di assetto, è stato dimostrato che l’altezza del veicolo si può spostare dai venti mm ai cinquanta mm.

Nello specifico della Toyota GT86, con il kit KW Clubsport 2-vie è regolabile anche il camber, ma solo sull’assetto anteriore. Questo perché nel retrotreno la regolazione del cuscinetto superiore è già impostata perfettamente di default. Con queste sospensioni non solo sono garantite performance eccezionali, ma anche un’ottima risposta nelle condizioni di guida sportiva. A seconda delle configurazioni specifiche, il prezzo del kit KW Clubsport 2-vie varia dai 1700 ai 2700 euro.

Nel mondo del Tuning, inoltre, va molto di moda il cosiddetto Car Wrapping, ovvero decorare l’auto con specifiche pellicole adesive. Tra le aziende che si occupano del wrap it, non poteva mancare uno dei marchi di punta nel mondo del Tuning, la Simoni Racing.
Nel suo ampio listino dedicato al car wrapping, la Simoni Racing offre le più disparate soluzioni, dalle coperture parziali a quelle integrali, per superfici sia piani, sia sagomate, sia bombate. Gli adesivi sono dotati di micro canali che permettono una omogenea fuori uscita dell’aria, che equivale ad un’aderenza perfetta sulla carrozzeria, senza pericoli di grinze, bolle o imperfezioni varie. Il tutto riducendo al minimo i tempi di lavoro e adesione. In caso di ripensamenti, gli adesivi sono riposizionabili: diventano non rimovibili solo quando si esercita su di essi una pressione superiore.
Le pellicole sono garantite contro i graffi, contro gli agenti atmosferici, contro danni da autolavaggio o incidente stradale. Laddove quest’ultimo caso sia già avvenuto, queste pellicole possono essere usate per coprire i danni (a patto che siano ammaccature di lieve entità), un po’ come si usava negli anni Ottanta con le toppe per jeans. Le pellicole Simoni Racing permettono di rinnovare il look della nostra auto, garantendo al nostro veicolo un valore di unicità. Gli adesivi sono disponibili sia in Carboon Look sia in Matt Black. Si consiglia nel momento dell’applicazione l’utilizzo di un phon da carrozziere.

Per quel che riguarda le ruote, dove ricordiamo il recente decreto legge ha di fatto liberalizzato la personalizzazione dei cerchi in lega, abbiamo diverse soluzioni, tutte di primissimo livello. 
Ad esempio la Rabanser Tuning, un marchio che vanta un’esperienza trentennale nel mondo delle auto, presenta Shoxx, una nuova accattivante ruota della linea Barracuda. L’area centrale del cerchio è molto più arretrata rispetto al canale esterno, e dalla stessa partono cinque razze doppie che raggiungono il bordo, come quasi a superarlo, dando un effetto visivo notevole. Appare così un ruota molto più grande di quanto non sia veramente, con un aggressività notevole, dovuta probabilmente anche all’evidente visibilità che concede all’impianto frenante. I cerchi in lega Barracuda Shoxx sono disponibili nelle finiture Matt-Black e Bronzo, per un prezzo di vendita che parte da 330 euro, che varia ovviamente in base alle misure e alle configurazioni richieste.

 

cerchi-in-lega-tuning-barracuda-shoxx


Concludendo sempre con i cerchi in lega, non si può non parlare del nuovissimo DOTZ Fast Fifteen, che vanta una forma dura e aggressiva, che combina i cinque fori centrali con linee rette dai contrasti pieni. Queste caratteristiche, unite alla forma concava del cerchio e alla linea asimmetrica, donano uno stile tanto elegante quanto imponente. Le versioni disponibili sono il nero opaco con interno diamantato e il Silver, anch’esso con interno diamantato.

Con questi accessori, lo stile e l'estetica della nostra auto ne gioveranno sicuramente, rendendoci orgogliosi del nostro veicolo.

 

Ti interesserà anche: Le ultime novità del Tuning

 

Il mondo del Tuning è sempre pieno di novità, di accessori, di idee che permettono di personalizzare al massimo la propria auto. Grazie poi al recente decreto legge, risalente allo scorso 27 marzo, oggi il Tuning ha avuto molto più raggio di azione.
Nello specifico, il decreto legge, detto anche liberalizzazione del Tuning, concede la possibilità di cambiare cerchioni e ruote della nostra auto secondo un iter più semplice e leggero, il tutto senza mai dimenticare le norme della sicurezza stradale.
Ma in realtà sono diversi i nuovi prodotti nell’ambito Tuning che hanno visto la luce negli ultimi mesi. Andiamo ad analizzarne qualcuno.

Ad esempio, nell’ambito dell’assetto, e più precisamente delle sospensioni sportive, Ohlins ha messo sul mercato il nuovo kit Road & Track, dedicato nello specifico alle Golf, ma anche ad altre automobili Volkswagen, Skoda, Audi e Seat. Realizzati con la tecnologia DWF, che si basa su valvole a doppio flusso e sulla regolazione idraulica in precarico, gli ammortizzatori Road & Track garantiscono ottimi prestazioni, sia in tenuta di strada sia per quel che riguarda il comfort, garantendo un ottimo rapporto con la guida della vettura.

Sempre parlando di ammortizzatori e sempre rimanendo in casa Ohlins, il kit 36MDR-46DR è invece dedicato ai veicoli di casa Peugeot, essendo stato montato una Peugeot RCZ Arlen Ness, e si basa sulla tecnologia monotubo con separatore interno olio/gas. Il 36mDR-46DR monta un pistone da 46 mm sul retrotreno, 36 mm sull’avantreno. Il corpo filettato di queste sospensioni permette di regolare l’altezza della vettura e la regolazione del precarico molla. Al tempo stesso la taratura del sistema idraulico in compressione ed estensione consente di regolare le risposte dell’ammortizzatore su qualsiasi tipo di strada, a seconda delle nostre esigenze e dei nostri gusti. Il prezzo si aggira su cinquemila euro iva inclusa.

Per quel che riguarda, invece, il lato carrozzeria, tra le ultime novità un piccolo accessorio sta accogliendo molti consensi, e ci riferiamo alla pistola ad aria calda Wrap Gun della SD Distribuzione. Questa piccola apparecchiatura è l’ideale sia per installare, sia per rimuovere, pellicole di vetro, pellicole adesive, wrap, ecc. Con due impostazioni di temperatura, garantisce ottimi risultati in tempi molto ridotti. Il cavo, lungo oltre due metri, garantisce una facile abilità di manovra. Ma quello che stupisce più di tutto è il prezzo, che non supera i venti euro iva inclusa.

A proposito del wrapping, la Apa, azienda importantissima nel settore delle decorazioni auto, ha ottenuto risultati notevoli con i suoi nuovi adesivi dall’effetto Cromo. Le pellicole APA sono appositamente studiate per decorare sia superfici piane sia superfici ondulate, con sagome particolari e rifiniture cromate. Garantiscono un ottima adesione grazie alla tecnologia Air Free FTX System, che con degli appositi micro canali fa uscire l’aria, permettendo un’adesione perfetta, con risultati migliori rispetto alla classica verniciatura.

 

Led-Knight-riderz

Per quello che riguarda l’illuminazione a led, poi, tra le nuove uscite segnaliamo Rider Nightz, i led creati appositamente per dare alla nostra auto un aspetto da Knight Rider. Essendo impermeabile, questo prootto può anche essere montato all’esterno dell’auto. Aderisce alla carrozzeria grazie all’adesivo 3M, che garantisce un fissaggio sicuro, ed ha un’installazione tanto facile quanto universale. Oltre ad essere utilizzato come terzo stop, i led Rider Nightz possono essere montati sotto lo spoiler anteriore, come luce scanner da collegare all’antifurto, sotto i sedili, abbinato all’impiano stereo nel baule, ecc. Il prezzo oscilla tra i dieci e i venti euro a led, rispettivamente per le misure da 10 cm di lunghezza fino a 40 cm.

Infine, nell’ambito delle ruote, l’azienda Mak lancia sul mercato un nuovo modello della gamma Mandrus. Il cerchio si chiama Rotec, e può essere montato su qualsiasi auto Mercedes, sia da punto di vista della struttura, sia nell’ambito estetico. Le versioni disponibili sono tre: brillante Chrome, trendy Matte Black, e classica Silver, dalla superfice diamantata.

Insomma, per personalizzare la nostra auto non abbia che l'imbarazzo della scelta. Il consiglio è affidarsi sempre a marchi consolidati nel settore.

 

Ti interesserà pure: TUNING. 6 consigli per personalizzare la tua auto

 

Il tuning è una forma di arte e, come tale, si basa su alcuni trucchi fondamentali, i quali costituiscono un "must" per tutti coloro che desiderino avvicinarsi a tale passione.
Andiamo innanzitutto a definire il concetto di "tuning": esso è l'arte di elaborare e quindi di personalizzare la propria auto o moto, modificandone l'audio, l'estetica e la meccanica, con interventi variabili in base ai risultati desiderati.
La prima regola, ma anche il primo trucco del tuner è capire cosa è lecito o non è lecito fare: per quanto concerne le elaborazioni, tale arte prevede delle norme, che è necessario rispettare per non incorrere in sanzioni da parte degli organi competenti.
Il tuning si distingue in: audio, estetico e meccanico.


Il tuning audio ha come fine il miglioramento delle prestazioni audio di serie o addirittura la creazione di un impianto ex novo. Per un neofita è consigliabile innanzitutto iniziare il percorso del tuning audio in modo semplice, con l'utilizzo di autoradio di elevata qualità e l'installazione di amplificatori o altoparlanti dedicati, quali woofer, subwoofer, midrange o tweeter. In seguito, dopo aver preso confidenza con le nuove e potenti sorgenti audio, lo stesso potrà cimentarsi nelle competizioni di car-audio: in questo caso il baule del veicolo si trasforma in una vera discoteca semovente, con prestazioni audio eccezionali. In questo caso, si adottano sistemi altamente performanti, capaci di separare le differenti frequenze sonore e trasmetterle ai diversi altoparlanti. Nel contempo, il baule diviene anche uno spettacolo visivo, grazie alle aerografie sulle casse, ai rivestimenti, ai led, ai neon, alle luci stroboscopiche.


Il tuning estetico si differenzia in interno ed esterno. Ha lo scopo di migliorare l'aerodinamicità e il comfort, ma anche quello di appagare la vista. Per un neofita di tuning estetico, il trucco principale è sapere fino a che punto la legge permette di spingersi con la propria fantasia.
Le elaborazioni più classiche adottate e quindi consigliate anche ai non esperti sono: riverniciatura della vettura con tinte particolari e sgargianti, adozione di pellicole oscuranti per quel che riguarda i vetri, di specchietti particolari, di prese d'aria sulle carene delle moto o sul cofano motore delle vetture, utilizzo di vari kit di paraurti, adesivi, led, neon, aerografie, fari, terminali di scarico, tessuti particolari della sella, personalizzazione dei cerchi in lega con disegni alternativi. Due trucchi estetici da adottare, di recente attuazione, sono: il "lambo-doors" (kit che permette l'apertura verticale delle porte) e l'utilizzo di ammortizzatori pneumatici, grazie a cui una vettura può essere abbassata o alzata da terra in maniera notevole. Sono, invece, assolutamente da evitare, sia l'oscuramento delle frecce, che il mutamento di posizione della targa dei ciclomotori, in quanto metodi illegali.
Con il tuning interno un neofita appassionato di tale arte può districarsi abilmente nella sostituzione, ad esempio, del volante, facendo però molta attenzione: non sempre è consentito dalla legge. Dipende dalle caratteristiche del volante nuovo, ma anche di quello originale: il segreto è quindi quello di controllare che tale articolo sia a norma e anche compatibile con le specifiche del precedente. Un neo appassionato di tuning che voglia abbellire gli interni della propria auto può anche decidere di sostituire pedaliere, cambio, pomello, sedili e rivestimenti, leva del freno a mano, luci interne, aerografare cruscotto e plancia. Un trucco per ottenere un tuning interno d'effetto è quello di risagomare le casse audio, in modo che nei vani dedicati si possano installare altoparlanti più grandi o in numero maggiore rispetto a quelli originali.

 

casse-tuning-audio

 

Il tuning meccanico è forse l'aspetto più delicato per un neofita appassionato di tuning. Ciò in quanto le modifiche generalmente non consentite dalla normativa vigente sono diverse: la sostituzione del carburatore, della trasmissione e del filtro dell'aria, la rimappatura della centralina, l'installazione di un motore dalle dimensioni maggiori, la lavorazione della testata, l'utilizzo di sovralimentazioni. E' invece permessa la sostituzione degli scarichi originali con altri omologati CE, le forcelle e i dischi freno delle moto. Altre operazioni consentite sono gli "swap", ossia i trapianti delle parti meccaniche, l'adozione di assetti ribassati, barre di rinforzo e di ammortizzatori sportivi entro i limiti tollerati dalla normativa.
Il trucco basilare del tuning è quello di personalizzare il proprio veicolo senza rasentare il limite, al fine di evitare ogni sospetto e quindi spiacevoli sanzioni.

 

Tutti coloro che amano o sono proprietari di Chevrolet Camaro SS saranno ben felici di poter chiedere ancora di più. Parliamo di una muscle car americana che decisamente non ha bisogno di presentazioni e che già nella sua versione base offre 425 CV e coppia di 569 Nm. Tuttavia, DD Customs si spinge decisamente oltre e regala 474 CV e 609 Nm di coppia al motore V8 benzina da 6.2 litri che è anche dotato anche di sistema di filtraggio dell’aria K&N e catalizzatore speciale. 

Il tuner tedesco di Amburgo non si è fermato qui e ha creato anche un kit estetico da fare invidia a tutti coloro che amano le più “classiche” delle muscle-car. Notiamo lo spoiler anteriore in fibra di carbonio che rende la linea decisamente più aggressiva, ma molto belli sono anche i cerchi in lega d’acciaio da 22” incorniciati da gomme 265/30 ZR22 sull’anteriore e 305/25 ZR22 sul posteriore.

script payclick

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand