La Renault Talisman Sporter potrà essere ammirata da esperti del settore e dagli amanti delle automobili in occasione del Salone di Francoforte 2015. Scopriamo insieme dimensioni, motore e caratteristiche tecniche. 

La Talisman Sporter è una station wagon lunga 485 centimetri, alta 146 e larga 187 cm. L'altezza da terra è stimata a 5,71 millimetri. Dimensioni, dunque, che permettono un accesso al bagagliaio più facilitato. Sul piano tecnologico, l'auto è dotata di uno schermo da 7 pollici o da 8 pollici che si collega a un tablet, dal quale è possibile gestire una serie di funzioni dedicate al guidatore: tra queste, possiamo citare l'impianto climatizzante, le impostazioni audo per ascoltare la musica, con i 12 altoparlanti firmati Bose, assistenza alla guida.

Renault-Talisman-Sporter horizontal lancio sezione grande doppio

Questa auto, inoltre, conferisce al guidatore un'esperienza di guida estremamente sicura: c'è, infatti, il sistema che regola la velocità fino all'Aebs, che permette all'auto di effettuare automaticamente delle frenate d'emergenza quando c'è un pericolo. Non solo: la Talisman Sporter è dotata anche di una funzione che segnala ai passeggeri e al guidatore quando si sicura la carreggiata o quando l'auto è troppo vicina al veicolo che la segue. C'è, poi,un sistema che permette di riconosccere i segnali stradali, qualora non ci si ricorda del loro significato e di individuare le strade con angolo cieco

 renault--talisman-sporter-1
Sul piano del motore, ci sono due alternative: a benzina, costituite dall'Energy150 e Energy200 e 3 diesel con l'Energy110, l'Energy130 e l'Energy160, che presentacambio automatico a 6 rapporti. Non si sa ancora il mese preciso in cui verrà immessa sul mercato la Renault Talisman Sporter, ma sicuramente durante il 2016 e, secondo le indiscrezioni, entro la stagione primaverile

Se l'intera gamma Renault Mégane si rinnova, tale cambiamento non poteva non avere a che fare anche con la variante Coupé-Cabriolet. Dunque, nuovo look per la Renault Mégane CC che si avvicina al restyling già avviato per le coupé, le berlina e SporTour. Sebbene le dimensioni siano inalterate, le modifiche riguardano per lo più dei componenti degli esterni come paraurti, prese d’aria, gruppi ottici, cofano e mascherina. La vettura si trasformada coupé a vettura scoperta per la guida open air e la novità si concentra sulgrande tetto rigido retrattile, che si arricchisce della cromatura della cornice del parabrezza. Il tetto offre anche ilfrangivento in vetro che serve a ridurre al minimo le turbolenze per le persone all'interno dell'abitacolo.

Non solo. Anche la dotazione tecnologica è davvero al top, grazie alla presenza del sistema multimediale R-Linkche include navigatore satellitare, streaming audio, radio, Bluetooth e connettività per smartphone. Le funzioni del sistema di infotainment vengono gestite per mezzo del display touchscreen da 7 pollicimanovrabile sia con joystick che con comandi vocali.

Le motorizzazioni sono 3, tutte della gamma Energy. In primis abbiamo il motore benzina turbo 1.2 litri TCe da 130 CV e 205 Nm di coppia massima, che si migliora a 225 Nm per merito della funzione overboost, poi il diesel 1.5 dCi da 110 CV e 260 Nm e il diesel 1.6 dCi da 130 CV e 320 Nm. 

Sia il propulsore a benzina che quelli diesel meno potenti possono essere abbinati alla trasmissione a doppia frizione EDC. I consumi di gasolio consentono al 1.5 dCi di percorrere 22,2 km con un litro, mentre il 1.6 dCi percorre fino a 22,7 km con un solo litro.

Pensare di vedere un'auto che riesce a percorrere ben 100 km con meno di due litri di carburante è ormai realtà. Essa sarà commercializzata entro il 2020, da parte di Renault. Il suo nome è Eolab e rappresenta un prototipo con tecnologiaZ.E. hybridbenzina-elettricoche percorre100 km con 1 litro. Dovrebbe inoltre trattarsi di un mezzo alla portata di tutti e messo in commercio quindi ad un prezzo che sia accessibile. Per raggiungere un valore di  1 l/100 km, pari a 22 g di emissioni di CO2/kmin ciclo misto, i progettisti hanno lavorato non solo sulla tecnologia, ma anche sul peso e sull'aerodinamica.

ll corpo della vettura è stato ridisegnato per entrare perfettamente nell'aria, grazie anche ad elementi come lo spoiler attivo o i flap laterali che si aprono come alettoni, e rispetto ad un'altra vettura del segmento B, la Eolab è stata alleggerita di ben 400 kg grazie ad unascocca multimateriale(fatta di acciaio, alluminio e compositi) e ad un tetto in magnesiodi appena 4 kg. In questo modo, al risparmio di peso è corrisposto anche un minor costo degli organi del prototipo (motore, batteria, ruote, freni). Renault ha lavorato con diversi partner della filiera automobilistica francese, come Saint-Gobain per i vetri, Faurecia per i sedili e Michelin per i pneumatici. 

Renault ha scelto il Salone dell'Auto di San Paolo per mostrare la sua concept Duster Oroch che mostra quello che potrebbe essere un possibile pick-up doppia cabina per i mercati emergenti e che potrebbe porsi in diretta concorrenza con FCA e che verrà prodotto in Thailandia da una Join Venture tra Fiat e Mitsubishi. Tuttavia, la Doroch potrebbe anche anticipiare quella che sarà la nuova filosofia del brand Dacia reinterpretando la Duster presentata al Salone dell'Auto di San Paolo nel 2012. Laurens van den Acker, direttore del design industriale del Gruppo Renault, ha dichiarato: 

''La show car Renault Duster Oroch seduce con il suo design energico e robusto. Concepito dal nostro centro design a San Paolo, Oroch mostra l'emozione del design latino-americano. Anche se ispirato a Duster, un veicolo dal quale emergono forza e carattere il lavoro realizzato dal nostro team locale apporta a questa show car un surplus di energia ed originalità''.

Denis Barbier, direttore delle operazioni per l'America, ha poi aggiunto:

''Renault Duster Oroch è un esempio concreto della nostra strategia di sviluppare prodotti adatti ai nostri mercati latino-americani. Basata su Renault Duster, che è uno dei best seller di questa regione, la show car esplora il mondo dei pick-up, un segmento in cui siamo stati finora assenti''.

Il mondo dell'auto è in continuo sviluppo, ed ecco i migliori progetti tecnologici in fase di sviluppo:

R-Link:
La Renault amplia la gamma di veicoli che potranno sfruttare il dispositivo R-Link, che non è altro che un'interfaccia multimediale facilmente gestibile dal guidatore o dal passeggero che gli siede accanto. Il sistema comprenderà anche il DIscovery Pack, ovvero una serie di app preinstallate dalla casa madre, che renderanno ancor più semplice l'integrazione tra l'utente e il proprio smartphone o la rete. Inoltre per sei mesi sarà previsto l'accesso gratuito all'R-Link Store, con tre mesi d'aggiornamenti garantiti per quanto riguarda i servizi Coyote Series e TomTom Live. 

25 milioni di canzoni:
Il sistema Mini Connected continua a integrare nuove opzioni interessanti, come ad esempio la possibilità d'avere libero accesso all'ormai celebre app di streaming musicale Deezer, che consente a chi si trova nell'abitacolo dell'auto di avere accesso a una compilation di 25 milion di canzoni, tutte caricate in rete. L'app è stata ottimizzata per un uso specifico all'intero delle vetture della casa Mini, così da averne una gestione facilitata attraverso il Mini Joystick e ovviamente dai comandi posti sul volante.

Viaggi e parcheggi al passo con la tecnologia:
La nuova Lexus IS 300h offrirà ai propri piloti tutti i servizi di Google Maps e l'innovativo Inrix. Il primo è di certo più noto, e integrerà sistemi come Street View e Panoramio, il cui fine ultimo è alquanto simile, fornire immagini chiare e reali dei luoghi di destinazione. Inrix è invece un sistema di ricerca dei parcheggi, che consente all'utente di selezionare il luogo di destinazione del suo viaggio e ricevere un'ampia lista degli spazi adibiti a parcheggio, ordinati in base al miglior prezzo. La scelta sarà tra ben 42.000 aree sparse per l'Europa, inserite in un sistema continuamente soggetto ad aggiornamento. Oltre al parcheggio però questa app volge lo sguardo anche alle condizioni del traffico, su strade principali e secondarie, sfruttando al meglio le notizie provenienti dalle stazioni meteo, dalla rete stradale e dagli stessi utenti.

 

inrix-app-auto

Una I.A. in auto:
Si chiama Habit ed è un'intelligenza artificiale ancora in fase di sviluppo, che potrebbe nei prossimi anni fare il proprio ingresso nelle nostre auto. Questo sistema avrà il compito di memorizzare ogni informazione fornita, volontariamente o involontariamente dall'utente. Dunque il comportamento di chi frequenterà quotidianamente la propria auto verrà immagazzinato nel sistema, a partire dalla musica fino al modo di guidare.

 

Page 2 of 3

script payclick

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand