La Citroen C3, disegnata dal designer italiano Donato Coco e che ha debuttato nel 2002, è stata recentemente rivisitata. Dopo il successo al Salone di Ginevra 2013 infatti, la vettura approda nelle concessionarie italiane. Stilisticamente le modifiche, a cura dei designers Double Chevron, riguardano il frontale: saltano all'occhio infatti la mascherina e i nuovissimi Citroen led. Rispetto alla versione precedente, quest'auto si distingue per la comodità e la luminosità, grazie anche al nuovo parabrezza Zenith.
In Italia sono sei le possibilità di Citroen C3 i loro prezzi. Sul fronte benzina abbiamo l' 1.0 VTi 68 e l'1.2 VTi 82 mentre nel diesel c'è l' 1.4 HDi 70 FAP, l' 1.4 e-HDi 70 FAP Airdream, l'1.6 e-HDI 90 FAP Airdream e l' 1.6 e-HDi 115 FAP Airdream. Il prossimo autunno la gamma si amplierà con l'arrivo del GPL. I costi della vettura, escluse le promozioni varie, sono compresi tra i 12.400 Euro del 1.0 VTi 68 Attraction ai 19.400 del 1.6 e-HDi 115 FAP Airdream Exclusive.

La rinnovata Citroen C3 si presenta con un design più arrotondato - che ringiovanisce l'aspetto della vettura -, con nuovi led posizionati sotto i soliti gruppi ottici e con gli chevron integrati nella griglia frontale.
Sul lato le fiancate si presentano lineari e lisce con passaruota bombati, una riga di cintura piuttosto alta e una scalfatura sopra le minigonne abbastanza marcata. Sul posteriore invece si notano il lunotto dalle discrete dimensioni e i nuovi fari che spiccano nel design semplice.
Ed ecco qualche numero dell'auto francese: 1.73 m di larghezza, 3.94 m di lunghezza, 1.52 d'altezza, con un passo di 2.45 m.

Soffermandoci sugli interni, la prima caratteristica che salta all'occhio aprendo la portiera è la luminosità dell'abitacolo, grazie alla presenza del parabrezza Zenith che amplia di 80 gradi la visuale verticale di chi sta seduto davanti. Le plastiche usate per il cruscotto e in generale per le parti interne sono solide e di qualità. I sedili sono confortevoli sia per ciò che riguarda lo schienale che la seduta; sono dotati di diverse regolazioni e dal punto di vista delle misure, non occupano troppo spazio. I passeggeri che si accomoderanno sui sedili posteriori troveranno la stessa comodità e un grande spazio. Il bagagliaio della Citroen C3 ha una capienza di 300 litri ed è estendibile tirando giù i sedili posteriori.
Il volante è di impostazione sportiva, costituito da materiale gradevole al tatto ed è regolabile in profondità e in altezza. I comandi per gestire le varie funzionalità dell'auto sono situate su apposite leve, dietro di esso e non sopra. La strumentazione analogica-digitale è posizionata di fronte al guidatore ed è caratterizzata da tre elementi circolari che indicano con chiarezza il numero giri del motore, la velocità e il livello di carburante.

 

test-drive-nuova-citroen-c3-2013

 

La consolle centrale è costituita nella parte superiore dal display a colori multimediale e dalle bocchette d'areazione. Sotto si trovano i comandi per la regolazione dell’impianto di climatizzazione mentre nella parte inferiore è posizionato l'impianto stereo, dotato di una buona qualità del suono. E' semplice da usare anche il sistema di navigazione: mappe aggiornate, veloce nel ricalcolo del percorso in caso di errore e con una bella grafica.
La Citroen C3 è in vendita in tre differenti allestimenti: c'è l'equipaggiamento Attraction, quello Seductione e al top della gamma esiste la versione Exclusive.

La Citroen C3 dal punto di vista della potenza del motore ha un'indole piuttosto tranquilla ma lo sterzo è un comando preciso, l'impianto frenante non è immediato nei primi passi di corsa ma il mordente migliora subito dopo. Valide anche le sospensioni che attutiscono in maniera ottimale dislivelli, buche e irregolarità di diverso tipo della strada.
L'impostazione dell'auto è prevalentemente turistica, volta a soddisfare un pubblico cittadino che non è interessato alla prestazione di velocità ma vuole soprattutto praticità, compattezza e anche un tocco di stile. Per ciò che riguarda i consumi la Citroen, per il 1.2 VTi 82 conferma 5,6 l/100 km in contesto urbano, 4,1 l/ 100 km nel ciclo extaurbano e 4,7 l/ 100 km in quello misto.

 

Grosse novità nella lista delle 7 finaliste all’ambitissimo premio di Car of the year 2014, per la prima volta infatti ci saranno due vetture elettriche che potrebbero diventare auto dell’anno: la Bmw i3 e la Tesla modello S.

La lista è completata da Citroën C4 PicassoMazda 3Mercedes-Benz Classe S,  Peugeot 308Skoda Octavia e la proclamazione avverrà, come di consueto, al Salone di Ginevra, il 2 marzo.

Una lista che conferma come il mondo delle quattro ruote stia dando particolare attenzione al rispetto dell’ambiente e alle nuove tecnologie, vere e propri cardini per superare il generale calo delle vendite.

Oltre che per le due automobili elettriche, c’è molta curiosità anche per la Mercedes Classe S che porta una auto ammiraglia in finale dopo vari anni di assenza. Una rosa di candidate molto varia e interessante dove le favorite sono le francesi Citroen C4 Picasso e la Peugeot 308, due delle case che hanno vinto più volte il titolo (3 volte a testa). Mentre Skoda e Tesla non sono riuscite mai a portare a podio una vettura.

Si rinnova quindi la sfida tra  i colossi tedeschi Bmw e Mercedes che però, cosa strana, possono vantare solo una vittoria in due (Mercedes nel 1974) ma tantissimi podi.

 

 

Non ci resta quindi che attendere il Salone di Ginevra per scoprire la Car of the year 2014 e scoprire a che punto è lo sviluppo dei motori elettrici e delle nuove tecnologie.  

 

Dal 2005, la Citroen C1 ha venduto ben 760.000 esemplari. L'obiettivo, ora, come annunciato al Salone di Ginevra è quello di replicare il successo di vendita del precedente modello offrendo una city car per 4 adulti che offre spazi generosi per i posti anteriori e posteriori. Le dimensioni sono: 3,46 metri in lunghezza, 1,62m in larghezza e 1,45 m in altezza. Tali misure sono identiche sia per la versione 3 che 5 porte. Proposta anche la versione con tetto in tela apribile elettricamente Airscape.
  

La nuova Citroen C1 si caratterizza anche per un miglior confort e design, nonché degli splendidi equipaggiamenti tecnologici ma semplici come il Touch Pad 7 pollici con Mirror Screen che serve a comandare le applicazioni dello smartphone direttamente dal Touch Pad,e poi Keyless Access&Start, telecamera di retromarcia e Hill Assist. Il motore presenta migliori livelli in termini di consumi ed emissioni di CO2, mentre un certo stile dinamico è garantito dalla continuità visiva tra parabrezza e vetri laterali.

Il frontale si caratterizza per quelli che sono gli elementi tipici dei nuovi modelli della casa automobilistica. La plancia minimal si vivacizza per degli sprizzanti tocchi di colore sul profilo del sistema multimediale, sulle modanature degli aeratori ed anche sulla base della leva del cambio. I pannelli delle porte sono in tinta con la carrozzeria, mentre il design è poi completato da cerchi da 14'' e 15'', e cerchi in lega da 15'' diamantati.

Il bagagliaio è da 196 litri con cappelliera removibile, mentre se i sedili posteriori sono ripiegati il volume del bagagliaio arriva a 780 litri. Nuova Citroen C1 propone anche il nuovo motore 1.2 VTi 82, che utilizza tecnologie innovative e capaci di offrire grandi risparmi. Parliamo di consumi di 4,3 l/100 km ed emissioni di CO2 di 99 g/km, con coppia di 116 Nm e accelerazione da 0 a 100 km/h in 11 secondi. In questo modo la nuova Citroen C1 si presta ad essere molto di più di una normale city car.

Sicuramente C4 Cactus è la protagonista del 2014 di Citroen. Per attendere la vettura bisognerà aspettare almeno il prossimo mese di settembre. Le versioni disponibili sono 3: Live, Feel e Shine. La prima è offerta a 14.950 euro con l'1.2 da 75 CV e a 18.250 con l'1.6 HDi da 92. Di serie offre 6 airbag, AirBump Black, comandi al volante, specchietti e dettagli carrozzeria neri opachi, suggeritore di cambiata, assistenza alla partenza in salita, radio con ingressi usb e aux, retrovisori elettrici e un bello schermo touch da 7”. 
 
 
Occorre ricordare che il cambio manuale si paga a parte ed è disponibile al prezzo di 900 euro. La Feel, che costa ben 1.500 euro in più rispetto alla Live, si arricchisce degli specchietti e dei dettagli della carrozzeria in Glossy Black, del climatizzatore manuale, del sedile di guida regolabile in altezza, del volante in pelle, del Bluetooth, delle barre al tetto e delle maniglie portiera realizzate nella tinta della carrozzeria. Shine, invece, costa circa 1.750 euro in più rispetto alla Feel, ma non è disponibile con l'1.2 da 75 CV e l'1.6 da 92. Rispetto alla Feel le dotazioni aggiuntive più importanti sono: sensori luce e pioggia, cerchi in lega da 16”, climatizzatore automatico, impianto audio con hard disk da 8 GB e sensori di parcheggio posteriori e navigatore con delle mappe europee. 
 
Non manca anche la possibilità di personalizzare la propria vettura: ecco così che si può scegliere Parck City Camera (con sensori di parcheggio e telecamera posteriore al prezzo di 500 euro, Citroen eTouch, ovvero un sistema telematico d'emergenza e assistenza localizzate a 300 euro. Anche gli AirBumps possono essere tinti di Chocolate, grigio o rosso. L'obiettivo, ovviamente, di Citroen è quello di convincere un numero sempre maggiore di clienti a scegliere la Cactus, come fatto con la C3.
 
 
 
Il nuovo Citroen Jumper, ovvero il large van di Citroen, presenta un design decisamente aggressivo ed elegante, nonché robusto. Abbiamo così un frontale dinamico grazie ai nuovi fari a led, mentre la linea del cofano si presenta decisamente prominente e il paraurti anteriore offra anche la giusta sensazione di protezione. Gli interni offrono un deciso comfort grazie al sedile dell'autista ad ammortizzamento variabile. Il nuovo Citroen Jumper permette anche di migliorare la connettività con il  il Connecting Box (kit viva voce Bluetooth e presa USB), mentre il touch screen a colori da 5’’ offre delle nuove funzioni di Navigazione e Telecamera di retromarcia. 
 
La gamma si articola su quelle che sono diverse combinazioni. Parliamo di 4 lunghezze disponibili, 3 passi e 3 altezze per un totale di 8 carrozzerie furgonate da 8 a 17 metri cubi di volume di carico. Prevista la possibilità di configurazioni a doppia cabina, pianalati e allestibili, con la possibilità anche di trasportare persone da 5 a 9 posti.  Il Nuovo Jumper offre 6 motorizzazioni, tutte HDI da 110, 130, 150 e 180 CV, che vanno a coprire tutta la gamma dei possibili utilizzi di un veicolo commerciale. 
 
 
Page 1 of 2

script payclick

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand