Da mercoledi 24 luglio a lunedì 29 luglio 2013 le auto storiche sfileranno per le vie di Ischia.

Il Raduno di auto d'epoca "Il Triangolo d'oro", organizzato da Classic Car club Napoli e gemellato con il raduno di Ferrari "Ischia in rosso" vedrà sfilare, tra le tante, un'Itala tipo 56 del 1923, una Desoto torpedo del 1928, una Bugatti T57 del 1934 e una Bentley 4.25 del 1936.

Quarantacinque autovetture storiche – dagli anni Venti agli anni Novanta – e venticinque Ferrari – dagli anni Ottanta ai giorni nostri – per un ‘doppio’ raduno/evento dedicato agli appassionati di motori del passato: l’Isola di Ischia [NA] farà da sfondo ad una sei-giorni di sfilate, mostre e gare a cronometro con alcune delle più belle automobili di tutti i tempi.

Tra i "gioielli a quattro ruote" che prenderanno parte al doppio appuntamento con i più affascinanti 'bolidi' del passato figurerà anche una Alfa Romeo 6C 1.750 Sport Viberti del 1929. L’auto venne immatricolata per la prima volta a Milano il 6 giugno 1929 ed il primo proprietario fu il Direttore dell’Alfa Romeo Girolamo Battista Merlini. Nel 1934 appartenne al pilota della Scuderia Ferrari Francesco Severi. È targata AP 3655 e circola ancora oggi con la targa ottenuta nel 1935. È stata sottoposta ad un meticoloso restauro durato 5 anni. Oggi monta una carrozzeria cabriolet attribuita alla carrozzeria Viberti su probabile disegno di Mario Revelli di Beaumont. L’autovettura ha preso parte ed è risultata vincitrice in numerosi Concorsi di Eleganza nella Categoria ante-1935. Dal 2009 al 2012 ha, inoltre, preso parte alla prestigiosa gara delle ‘MilleMiglia’.

 

raduno-auto-epoca-ischia-triangolo-d-oro



Accanto alle vetture che parteciperanno al Triangolo D’oro – edizione 2013, sfileranno 25 esemplari della ‘rossa di Maranello’: tra le Ferrari protagoniste di “Ischia in Rosso – edizione 2013” trovano posto una Ferrari F40 del 1990, una Ferrari California 48 Italia, una Ferrari 430 Spider e una Ferrari ‘Berlinetta’ 456M.

Lo spirito che caratterizzerà questa manifestazione/competizione, secondo i dettami dell'ASI – Automotoclub Storico Italiano, è quello di favorire i rapporti tra appassionati e di porre in risalto le bellezze, la cultura e le tradizioni italiane. 

La prima mostra delle vetture si terrà mercoledì 24 luglio 2013 (dalle 18.30 alle 24.00): gli appassionati potranno ammirare le autovetture nel Piazzale del Soccorso "Forio" di Forio d’Ischia.
Sabato 27 luglio 2013 (dalle ore 17.30) si terrà un’altra mostra dei veicoli storici in Piazza Santa Restituta.
Per l’edizione-2013 de IL TRIANGOLO D’ORO, l’ASI (Automotoclub Storico Italiano) coinvolgerà i partecipanti in una prova di abilità a cronometro che si terrà DOMENICA 28 LUGLIO 2013 dalle ore 9.30 e le cui premiazioni si terranno domenica sera presso l'Hotel Regina Isabella di Lacco Ameno / Ischia.

 

Danny De Vito nel fortunatissimo "La guerra dei Roses" diceva: "Quattro cose dicono alla gente com'è un uomo: la sua casa, la sua macchina, sua moglie e le sue scarpe"

Non sappiamo quanto questa teoria possa essere vera ma sicuramente possiamo immaginare che per guidare queste auto ci voglia un poco di eccentricità. 

Ecco la gallery delle auto più pazze e più strane del mondo.

 

Iniziamo dall'auto ideale per fare Shopping

 

Questa invece è l'auto perfetta per i fqan dei Kiss

 

Questa invece sembra più un carro di Carnevale che una vera e propria auto

 

Andrà lenta come una tartaruga? 

auto strane

 

Del maiale non si butta via niente. e ci si fa anche un'automobile 

Auto maiale

 

Questa è apprezzata particolarmente dai maschietti

auto sexy

 

Questa è la nostra preferita, gia vi vedo il sabato sera in piazza a cercare parcheggio 

auto strane

 

Non poteva mancare l'automobile per gli amanti dei gatti

auto pazze

 

Scordatevi i pic-nic a giocare a calcio, ora si fa direttamente una partita a biliardo

auto biliardo

 

E voi quale preferite? 

  

Jaguar Land Rover Special Operations ha annunciato il lancio dell'Experience Jaguar Heritage che consente ai partecipanti di avere la possibilità di guidare vetture come la leggendaria Jaguar D-type, o la più potente Jaguar di sempre, la F-TYPE R Coupé. Le persone saranno in grado di usufruire di tale esperienza a partire dal mese di novembre 2014 avranno a disposizione un impianto prova di 200 acri, a Fen End, nel Warwickshire. È interessante notare che diverse auto della collezione saranno guidate dal pubblico per la prima volta.

Ecco alcuni esempi dei pacchetti in offerta:

Jaguar Experience (£ 95 - £ 250) - I visitatori possono scegliere tra i singoli modelli - tra cui una XK150 o una Mark 2 saloon - o abbinamenti selezionati come la E-type Serie 1 e Serie 3. In alternativa, è possibile anche scegliere di guidare automobili storiche a fianco dei loro omologhi moderni, come ad esempio una E-type con un F-TYPE.

Le Mans Experience (£ 750) - Questo include dischi in C e D-type, l'XKSS e F-TYPE R Coupé, per mezza giornata (compreso anche il pranzo). 

Grazia e Pace Experience (£ 2.000) - Questo è forse la migliore, sebbene più costosa, opzione. Da corridori del dopoguerra a berline sportive, coupé, roadster e molto altro ancora, tra cui la nuova XFR e F-TYPE, avrete la possibilità di guidare delle autentiche leggende. Inoltre, ci sarà anche l'opportunità di guidare auto della Jaguar Land Rover Special Operations

Se prima le auto storiche erano esentate dal pagamento del Bollo, d'ora in poi, grazie alla nuova Legge di Stabilità, non sarà più così. Anche le auto storiche pagheranno il bollo e ciò "porterà all'erario non più di 7 milioni e mezzo di euro" mentre causerà "perdite a piccoli riparatori, carrozzieri, distributori di benzina, ricambisti, settori già particolarmente colpiti dalla diminuzione di lavoro". Questi, almeno, sono i calcoli fatti dall'Automotoclub Storico Italiano (Asi) che critica aspramente l'esenzione della abolizione prevista dalla Legge di Stabilità.
 
In una nota, l'associazione ha previsto:
 
"Neanche 50mila veicoli di interesse storico-collezionistico pagherebbero le tasse ordinarie cui sarebbero tenuti per il provvedimento abrogativo. Ciò determinerebbe un'entrata presumibile per lo Stato di circa 7,5 milioni; per contro si perderebbero 300-325mila veicoli d'interesse storico-collezionistico con una perdita stimata tra i 2,2 ed i 5,7 milioni per gli operatori del settore".

script payclick

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand