Arrivata sul mercato italiano nei primi mesi del 2013, la nuova Opel Adam, si è subito caratterizzata come una auto particolare ad iniziare dal nome, che come precisato dalla stessa casa automobilistica tedesca voleva essere un qualcosa di diverso, pertanto, via i classici nomi femminili, via i nomi di fantasia ed i numeri, che tante volte hanno accompagnato le auto di diverse marche, ed ecco " Adam " che solo casualmente è anche il nome del fondatore della stessa Opel.

La citycar tedesca risponde in pieno alla intenzioni dei suoi realizzatori, è infatti una city car molto alla moda, che sfrutta ampiamente le molteplici possibilità di personalizzazione per seguire i gusti della clientela. La prova su strada della Opel Adam, caratterizzata da un percorso misto, cittadino, autostradale e strade con molte curve, ha permesso di apprezzare l’agilità che è uno dei punti di forza di una vettura che in soli 3,71 metri di lunghezza e 2,31 di passo racchiude 4 posti comodi, accoppiati ai due motori, il 1200 cc da 70 cv ed il 1400 cc da 100 cv con i quali è stata lanciata. Per entrambi cambio manuale a 5 marce con Start&Stop, pacchetto Ecoflex e recupero dell’energia in frenata. Le ridotte dimensioni ne fanno proprio una tipica city car, ma ha un ottimo comfort interno, anche se l’abitabilità posteriore potrebbe essere migliorata, che si abbina ad una ottima insonorizzazione ed audio. L’assetto della Opel Adam è molto equilibrato e permette di superare al meglio anche i tratti più impegnativi. Con uno sterzo molto reattivo, guidare la Opel Adam può essere molto divertente grazie anche al controllo elettronico della stabilità; i motori hanno entrambi un buon rendimento nel percorso cittadino, mentre cedono qualcosa fuori città, principalmente il 1200, se gli viene chiesto qualcosa in più del ritmo da gita. Buono comunque il consumo medio, che si aggira sui 13 km / litro.

La Adam monta ruote grandi, 215/45 su cerchi da 16 e 17 pollici, offrendo inoltre in opzione quelli da 18 pollici. Passando alla carrozzeria non si può non notare la grande griglia che la caratterizza, mentre le fiancate hanno la forma a lama che la casa tedesca aveva già presentato sui modelli Astra ed Insigna. Pur includendo molti dettagli, anche sportivi, che ricordano le vetture che l’hanno preceduta, la Opel Adam è sicuramente un’auto innovativa, con linee morbide e la classica linearità tedesca che si vede sia nei fari anteriori che nelle ruote. Accoglienti e robusti anche gli interni, anch’essi molto personabilizzabili, sia come colori che come materiali. Il sedile del guidatore e quello del passeggero sono comodi ed avvolgenti, un pò risicato lo spazio nelle sedute posteriori, specialmente in altezza. La strumentazione di bordo è di forma circolare, facendo un po’ il verso ai cronografi, mentre gli interruttori cromati forniscono alla vettura un tono sportivo. Tre gli allestimenti proposti dalla casa tedesca: " jam" molto colorato e trend, " glam " più elegante, e " slam " che si rivolge ai guidatori sportivi. A bordo della Opel Adam c’è anche molta tecnologia, con il sistema infotainment Intellilink, che funziona attraverso una connessione USB o wireless Bluetooth e con smartphone Android e Apple iOS, ed il Park Assist II, che facilita i parcheggi paralleli o perpendicolari, calcolando la traiettoria e sterza in maniera automatica l’auto per effettuare il parcheggio, mentre al guidatore non resta che controllare cambio ed acceleratore. Un ulteriore aiuto dal punto di vista della sicurezza è dato dallo specchietto posteriore che è provvisto di " dimming automatico " inserito nel Light & Sight Pack. Infatti, speciali sensori regolano il riflesso dello specchio e riducono l’abbagliamento originato dalle vetture che seguono, per poi tornare alla normalità come riflesso e luminosità, quando l’abbagliamento non è più registrato dai sensori.

 

test-drive-opel-adam-2014

 

Per quanto riguarda i prezzi si parte dai 9.900 della versione base ADAM 1.2 70 CV, fino ai 11.750 euro della versione top della gamma ADAM SLAM 1.4 100 CV. In conclusione con la Adam, la Opel ha fornito alla sua clientela una vettura non banale, che convince grazie alla sua personalità, ed alla sua guidabilità sia nel traffico che fuori città, ma anche grazie all’offerta di illimitate combinazioni tra i colori interni dell’abitacolo e della carrozzeria, ai tessuti ed ai rivestimenti dell’interno del tetto, ed alle modanature. Il tetto stesso prevede tre diversi colori in abbinamento a quelli della carrozzeria, e risulta particolarmente stravagante se abbinati alla doppia colorazione della carrozzeria. Una scommessa, quella della city car " trendy " che la Opel ha molte chances di vincere.

 

Nissan Murano arriva alla sua terza generazione grazie all'applicazione “Resonance Concept”, ovvero l'adozione dello stilema V-Motion per il frontale, del  “floating roof” e delle luci a Boomerang. Come principi ispiratori per la nuova Murano sicuramente figurano efficienza e la leggerezza, davvero di controtendenza, dunque, rispetto alle caratteristiche di un normale SUV. Tanto è il lavoro che è stato fatto anche suifari anteriori e sui fanali posteriori, che sono stati ereditati dalla 370Z ed equipaggiati con luci LED.

Il nuovo Murano si caratterizza per essere più lungo e più largo rispetto al modello precedente. L'aerodinamica si migliora fino al 16% anche grazie alle modifiche della griglia centrale, dei passaruota anteriori e posteriori, senza contare l'adozione di uno spoiler integrato L’abitacolo si caratterizza per una grande visibilità frontale per il pannello strumenti che è collocato più in basso. Tra le due ali esterne della plancia è collocato un grande sistema di infotaiment caratterizzato da un display da 8’’ multi-touch; inoltre è stato adottato l’Advanced Drive-Assist, arricchito di nuove funzionalità ed un display a colori da 7''. Il bagagliaio è davvero molto grande e può ospitare fino a 4 valigie, senza contare la possibilità di ripiegare i sedili posteriori offrendo la comodità e il design di un van.

sedili Zero Gravity di Nissan offrono grande comodità, mentre il tetto apribile scorrevole è più lungo del 40% e del 30% più largo rispetto alla precedente generazione. Tra le caratteristiche di serie abbiamo il clima automatico bi-zona e il Nissan Intelligent Key con il pulsante di accensione. Per quanto riguarda gli optional, invece, abbiamo: sedili in pelle, volante riscaldato, sedile del conducente e specchio esterno con memoria di posizione, sedili posteriori elettrici pieghevoli e accensione motore a distanza, senza dimenticare l'Intelligent Climate Control. 

Al lancio la vettura sarà disponibile con un motore 3,5 litri DOHC V6 da 260 cavalli e 353 Nm di coppia, la trasmissione Xtronic e sospensioni a quattro ruote indipendenti multilink. Le dotazioni relative alla sicurezza prevedono fino a 4 telecamere (anteriore, posteriore e due laterali) e tre sistemi radar (uno frontale e due laterali ) che forniscono dati al Predictive Forward Collision Warning e all’Intelligent Cruise Control. Il Nissan Murano sarà disponibile in quattro livelli di equipaggiamento: S, SV, SL e Platinum, ognuno di essi sia con trazione anteriore sia integrale. La vettura sarà disponibile a fine anno.

Se di certo non è la prima volta che sentiamo parlare di app per parcheggiare, sicuramente è la prima volta che una simile app entra a far parte di serie in una vettura. Parliamo di JustPark, l'app creata da Apple che consente ai conducenti inglesi di trovare una soluzione per il parcheggio mentre ancora si sta raggiungendo la destinazione.  Montato per la prima volta sulla MINI, consente agli utenti registrati di cercare e prenotare un parcheggio direttamente dall'abitacolo.

Occorre infatti inserire la destinazione e l'app in automatico ricerca i parcheggi più disponibili permettendo di prenotare quello scelto. Una volta conclusa questa operazione, JustPark dà le indicazioni stradali che sono necessarie a raggiungere il luogo scelto. Nata nel 2011 con il nome di ParkatmyHouse, l'app è scaricabile direttamente dall’App Store gratuitamente e si propone di annullare i tempi di ricerca del parcheggio per mezzo del sistema di navigazione che ci indirizza verso la nostra destinazione finale.

Il salone di Detroit, North American International Auto Show, si è rapidamente guadagnato il titolo di uno dei saloni automobilistici più importanti al mondo. Merito di due fattori importanti: l'aumento della vendita di vetture in America negli ultimi anni (Nel 2013 c'è stato un confortante + 7,6%) e la conseguente presenza sempre maggiore di tutte le case automobilistiche importanti.

Solo in questa edizione (13-26 Gennaio 2014) sono state presentate oltre 50 nuovi modelli, alcuni dei quali veramente impressionanti.

Andiamo a vederli nel dettaglio:

BMW M4 - Evoluzione della M3, vanta un design più aerodinamico e prestazioni maggiorate grazie al motore twin-turbo 3.0 425 cavalli e ad un nuovo materiale che mischia fibra di carbonio e plastica che le permetteranno di essere più leggera. Il lancio è previsto per l'Estate prossima. 

 

Chevrolet Corvette Z-06 - La Chevrolet gioca in casa e lancia la vettura sportiva più sofisticata prodotta dalla General Motors, infatti, sotto il telaio in alluminio si nasconde un motore V8 6.2 e ben 625 cavalli servito da due differenti cambi automatici a 7 e ad 8 marce. L'uscita è prevista per il 2015. 

 

Mercedes Benz Classe C - La quarta generazione della Classe C punta su interni più spaziosi e sopratutto sull'Hi-Tech grazie ad un nuovo schermo da 7 pollici sul cruscotto ed a una superficie dove poter collegare lo smartphone e gestire tutti i vari canali di infotainment presenti semrpe connessi ad internet grazie all'hotspot personale. La versione full optional include anche l'innovativo dispositivo Distronic Plus che prende in mano la guida della vettura in caso di ingorghi e una fotocamera a 360 gradi per facilitare parcheggio e manovre. 

 

Cadillac ATS Coupè - La Cadillac lancia la versione Coupè della fortunata ATS. La versione base è fornita di un motore 2.0 4 cilindri turbo da 272 cavalli mentre è prevista anche una versione High con motore 3.6 V6 da 321 cavalli che porta la vettura da o a 100 km/h in circa 5,6 secondi.

 

Porsche 911 Targa - La Porsche non poteva mancare a questo importante appuntamento e lo fa con la versione puntando su un'evoluzione del tradizionale modello 911. La Porsche 911 Targa è prevista in due versioni (4 e 4S) rispettivamente con motore 3.4 350 cavalli e 3.6 400 cavalli. Entrambe con cambio automatico da 7 marce e doppia frizione per la gioia degli affezionati Porsche. 

 

C'è davvero l'imbarazzo della scelta tra tutte queste meraviglie, ma voi quale preferite? 

 

Se è vero che trovare parcheggio in città è diventato ormai davvero un problema, in nostro soccorso interviene oggi Parkey, un'app destinata ad aiutare gli automobilisti in crisi a causa del problema di trovare e pagare il parcheggio in cui sostare con la propria vettura. Parkey è un'applicazionegratuita per sistemi operativi iOS e Android che cerca di aiutare a trovare un parcheggio per mezzo della geolocalizzazione. Parkey è stata lanciata in primis a Milano, dove il 30% del traffico viene causato proprio dalla ricerca di un parcheggio, sebbene l'app verrà lanciata anche nel resto delle città italiane ed europee. 

Parkey individua la posizione geografica dell'utente grazie al proprio smartphone e individua le autorimesse a lui più vicine, o alla destinazione che si intende raggiungere. Per ogni autorimessa, all'utente viene mostrata una scheda che contiene le informazioni per prenotare il parcheggio, oltre agli orari, le tariffe, i servizi aggiuntivi, etc. Selezionata l'autorimessa, il sistema ci indica qual è la strada più veloce per poterla raggiungere e, una volta giunti a destinazione, occorre e basta un tap per entrare e uno per uscire. Il parcheggio viene pagato con la carta di credito associata all'applicazione.

Page 1 of 5

script payclick

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand