Smart For Two

Rate this item
(4 votes)
Monday, June 10, 2013 11:30

L'auto biposto più famosa e maneggevole che ci sia, propone sul mercato un nuovo turbodiesel al prezzo di 13500 € circa, davvero parsimonioso in termini di consumi.
Bagagliaio più capiente grazie ai 20 centimetri in più rispetto alla linea precedente, per una lunghezza totale di 270 centimetri. Il motore Euro 5 turbodiesel 800 cm3 (54 CV) di cilindrata a 3 cilindri garantisce dei consumi da primato ma una rumorosità a volte non trascurabile.
L'affidabilità su strada è garantita dall'ESP di serie, ma risulta in parte penalizzata da uno sterzo piuttosto impreciso specialmente a velocità sostenute.

A livello di abitacolo non è possibile trascurare alcune finiture non proprio impeccabili e le plastiche rigide, considerato il prezzo pagato per l'auto. Tutto risulta facilmente raggiungibile e a portata di mano: leve del cambio, comandi radio e climatizzatore.
Molto comodi e ampi i sedili, con poggiatesta integrati e la possibilità di averli in pelle (optional). Il bagagliaio, molto ampio, permette tranquillamente di caricare l'auto del necessario per una breve vacanza in 2.

Per quanto riguarda il comportamento su strada, è constatato che la Smart ForTwo resta l'ideale per la guida urbana. Poco adatta alla guida sportiva, a causa dell'intervento dell'Esp in percorsi ricchi di curve, risulta comunque dalla guida piacevole anche in autostrada, dove il motore turbodiesel fornisce una potenza più che sufficiente al prezzo di consumi al limite dei 30 km al litro. Come già citato in precedenza, tuttavia non è da trascurare la rumorosità del motore, specialmente alle alte velocità, ed è da segnalare inoltre il sistema di sospensioni molto rigide, che alla presenza di percorsi sconnessi influisce negativamente sull'isolamento acustico dell'abitacolo. 
Molto comodo il cambio con le leve al volante, è presente anche un optional denominato Softouch, che consente di rendere la gestione delle marce interamente automatica e non sequenziale.

Sulla sicurezza nulla da eccepire: l'ESP di serie risulta fondamentale per la gestione dell'auto in curva, ma come detto prima meglio evitare la guida sportiva. Di serie sono inclusi solo gli airbag anteriori ed è possibile aggiungere come optional anche i laterali.
Degna di menzione è la cellula Tridion in acciaio ad alta resistenza che costituisce lo scheletro della Smart ForTwo e che ha permesso l'ottenimento di ben 4 stelle nel crash test EuroNcap nonostante la lunghezza ridotta della citycar.

In sintesi tale tipo di autovettura risulta consigliata prettamente a chi necessita di un veicolo per spostamenti di routine, in particolar modo per chi vuol destreggiarsi nel traffico e nella ricerca di parcheggi in strade frequentate. Il sovrapprezzo da pagare per ottenere la versione turbodiesel risulta compensato dai consumi, molto ridotti rispetto la stessa versione benzina, che ammortizzano il costo dell'auto nel lungo periodo, ma con il difetto della maggior rumorosità. 
Il rapporto qualità/prezzo risulta forse per alcuni ingiustificato: finiture e materiali non proprio impeccabili e l'indubbia necessità di aggiungere optional come radio, servosterzo, Softouch ed airbag laterali, fanno lievitare il prezzo intorno ai 15000 €, per intenderci ai livelli di un'auto medio-piccola da 4-5 posti.

 

Read 756 times Last modified on Monday, 24 June 2013 22:34
More in this category: Kia Picanto. La nostra prova »

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand

Ti interesserà pure