La presenza della causa automobilistica fiorentina Ermini al Salone di Ginevra 2014 segna il ritorno della automobilistica italiana in primo piano. Nel caso specifico ad emergere è il modello Seiottosei, che segna il ritorno alla ribalta del marchio in seguito ai trionfi ottenuti negli anni '40 e '50. La vettura è stata accompagnata a Ginevra sia dal presidente Eugenio Ercoli che da personaggi del calibro di Simone Faggioli, campione delle cronoscalate, o anche di Enzo Osella. Di questo modello verranno prodotti solo 46 esemplari, per ricordare il 1946, anno di debutto sul mercato di questo marchio automobilistico.  
 
L'architettura si contrappone ad una vasca centrale in fibra di carbonio che è collegata ad un gruppo motore-cambio posteriore di provenienza Renault Sport che funge anche da supporto per le sospensioni. Sul davanti è stato fissato un piccolo telaio con sospensioni anteriori e gli organi di guida. La struttura presenti in sottili tubi metallici e rivestiti in alluminio battuti in maniera completamente artigianale.
 
Il peso della nuova Ermini è di 686 kg mentre il quattro cilindri turbo eroga 280 Cv. Grazie a questo rapporto peso potenza, sembra che il modello possa fare da concorrenza ad Alfa Romeo 4C ed alla Lotus Elise (esso è di 2,45 kg/Cv). La vettura, inoltre, consente un'accelerazione da da 0 a 100 km/h in soli 3,6 secondi.
 
 
Ricordiamo che dal secondo dopoguerra, Ermini ha sviluppato tutta una serie di automobili sportive che sfidavano auto del calibro di Ferrari, Maserati o Porsche. Nel 1962 il marchio aveva cessato la sua attività, salvo poi rinascere a Firenze grazie alla Ermini Automobili Italia.
Anche a Marzo 2014 continuano gli econincentivi statali, grazie ai dati incoraggianti. Basta pensare agli 8,59 punti percentuali di Febbraio. Notevoli sono le offerte per le auto a Gpl e a metano, una scelta che gran parte degli italiani sembra valutare e scegliere per risparmiare sui consumi. Non solo, gli italiani scelgono anche delle vetture ibride e elettriche.
Sveliamo, dunque, quali sono le vetture a Gpl che hanno diritto al bonus.
 
Alfa-Romeo Giulietta è proposta con uno sconto di 5.000 Euro con motore 1.4 TB Turbo/GPL da 120 cavalli di potenza. Il prezzo è dunque di 19.450 Euro in allestimento. La vettura è disponibile fino al termine del mese. Il finanziamento prevede 60 rate da 359 Euro con TAEG all’1,39%. 
 
Citroen propone C3 Picasso al prezzo di 13.190 Euro sia nella motorizzazione a benzina 1.4 VTi da 95 cavalli, che nella versione diesel 1.6 HDi da 92 cavalli o nella Gpl, la 1.4 VTi da 91 cavalli. Lo sconto è considerevole se pensi che i prezzi di listino sono rispettivamente: 17.750 Euro, 20.050 Euro e 19.650 Euro.
 
Promozione anche per Chevrolet Cruze che riguarda la versione Hatchback, a cinque porte e che per questo mese è disponibile al prezzo di 16.300 euro, con un risparmio, quindi, di 3.225 euro rispetto al prezzo di listino. Parliamo della versione a Gpl motorizzata dal 1.8 da 141 cavalli di potenza. In casa Chevrolet è disponibile anche il modello Orlando a GPL, al prezzo di 19.300 euro e consentendo un risparmio di 4.000 euro rispetto al prezzo di listino.
 
A prezzo ridotto abbiamo anche la berlina di Lancia: la Delta disponibile ad un prezzo di 17.900 euro nell'allestimento Iron e dotatadi 1.4 T-Jet Turbo GPL da 120 cavalli di potenza. Previsto un finanziamento con anticipo zero e rateizzazione di 60 mesi da 332 Euro con TAEG all’1,52%.
 
Nissan Juke è in offerta al prezzo di 15.650 Euro, modello base, sia con il motore 1.6 alimentato a benzina da 94 cavalli di potenza, ma anche con il 1.5 dCi (diesel) da 110 cavalli di potenza e poi con alimentazione Gpl. Previsto anche un finanziamento con un anticipo di 8.650 Euro, e poi rate da 72 rate da 149 Euro al mese con TAN fisso al 5.99% e TAEG all’8.79%.
I dati che sono stati ricavati dallIstituto di Ricerca GfK Eurisko, per il sondaggio realizzato in occasione della Festa delle Donne, mette in evidenza quelle che sono le abitudini e le esigenze delle donne italiane al volante. Il 2013 si era imposto all'attenzione per quelle che erano le modalità di scelta delle auto, mentre il 2014 si concentra sull'evoluzione della macchina nella prospettiva femminile. Il veicolo in divenire a seconda delle fasi della vita di ciascuna donna.
 
Sembra che le donne e le ragazze utilizzino l'automobile con la stessa frequenza rispetto ad un paio di anni fa. La percentuale si assesta dunque intorno al 53%. Analizzando le singole zone, la percentuale sale fino al 62% al Nord-Ovest, con un 13% in media che afferma di usare l’auto di più o comunque molto di più, e un picco al Sud del 19% . Al Sud, le donne di età compresa fra i 45-54 anni sembrano preferire gli spostamenti a piedi. Parliamo del 95%, contro una media nazionale dell'85%. In generale, le donne italiane non amano molto il trasporto pubblico, preferendo la comodità del proprio veicolo: il 17% ritiene la bicicletta un'alternativa valida alla macchina, mentre il 17% preferisce autobus, tram e metropolitana, soprattutto al Centro e non al Nord come si potrebbe essere propensi a pensare. Il treno è preferito solo dal 3% delle utenti, insieme a moto e scooter.
 
Rispetto allo scorso anno, e relativamente allo shopping, le percentuali di utilizzo della macchina sono sostanzialmente le stesse: 86% del 2014 contro l’83% del 2013. Tuttavia, aumentano le donne che affermano di non utilizzare l’auto né per motivi professionali né per portare i figli a scuola. Parliamo di un dato che sale all'80% nelle grandi metropoli.  dato quest’ultimo che sale all’80% nelle metropoli.
 
Per quanto riguarda i dispositivi di sicurezza delle auto a cui le italiane non rinuncerebbero troviamo in vetta il rilevatore acustico di ostacoli posteriori (42%) a cui segue poi il sistema anti-collisione (41%) e il sistema di parcheggio assistito (33%). Sarà vero che "donne al volante, pericolo costante"?

Coloro che sono ricchissimi e collezionano auto bellissime e costosissime potranno, d'ora in poi, dormire sonni tranquilli in quanto difficilmente potranno trovare, nei garage di altri ricconi, altre vetture uguali a quelle da essi gelosamente custodite. Per evitare, dunque, quello che potrebbe essere definito un fastidioso "effetto doppione", bisogna però rivolgersi al programma Q by Aston Martin, riproposto al Salone di Ginevra, con diverse vetture in esposizione e un video, che vi mostriamo di seguito, che presenta delle prestazioni davvero sensazionali.

Il programma di finiture speciali Q by Aston Martin presenta al suo interno tutto un mondo di dettagli esclusivi, materiali speciali, pellami e verniciature di tutti i colori. Non mancano, però, anche degli inserti in fibra di carbonio o metalli preziosi, che possono essere ammirati nelle Q by Aston Martin V12 Vantage S e Vanquish Volante di Ginevra.

Si spazia dalla capote in fibra di carbonio alle sellerie in pelle trapuntata e ricamata, passando anche per grigliette laterali in fibra di carbonio rossa. La plancia è ricoperta in radica di vari tipi, fino allo stemma Aston Martin in oro massiccio.

D'lite sembrano essere anche i pannelli in legno intarsiato, i ricami dorati sui sedili, le vernici sfumate,ed anche la valigeria griffata Aston Martin. Per differenziarsi, tra ricconi, dunque, c'è solo l'imbarazzo della scelta.

 

Ormai è davvero tutto pronto per la Coppa d'Oro delle Dolomiti. Dal 17 al 20 luglio l'omaggio sarà rivolto alle edizioni storiche che si sono svolte dal 1947 al 1956. Come ha detto Alessandro Casali, presidente del Comitato Organizzatore: 
 
"E’ un ritorno alle origini che segna un altro passo nella direzione di una crescita della gara all’insegna della tradizione e dell’innovazione".
 
Ancora una volta il percorso si dipana tra le alte quote delle montagne fra Veneto e Trentino Alto Adige. Le iscrizioni sono aperte fino al 7 giugno sul sito www.coppadorodelledolomiti.it. Ad aderire, in rappresentanza dei marchi Mercedes, Porsche, Austin Healey, BMW, Ferrari, Alfa Romeo, Bugatti e Maserati, sono già stati in molti. Quest'anno è inoltre prevista la partecipazione di diversi campioni dello sport. Parliamo di gente del calibro di Jarno Trulli, famoso pilota italiano di Formula 1, il quindici volte campione del motomondiale, Giacomo Agostini e di Gianni Rivera e Nicola Pietrangeli, stelle rispettivamente del calcio e del tennis. 
 
Alla corsa può partecipare un numero massimo di 180 auto costruite tra il 1919 e il 1961, sebbene sia prevista unacategoria speciale (con apposita classifica) riservata ad un numero massimo di 30 auto che siano state costruite tra il 1962 e il 1965 e che si siano distinte per meriti sportivi o di un certo interesse storico. I piloti dovranno marciare per ben 584 chilometri, divisi in due tappe. Da percorrersi saranno benquattordici passi dolomitici. 
 
La partenza è prevista alle 8.30 di venerdì 18 luglio da Cortina D’Ampezzo per fare tappa, dopo la sosta prima a Belluno e poi a Bolzano, a Merano alle 18.30. Sabato 19 luglio si riparte da Merano (sempre alle 8.30) e, dopo un passaggio dal circuito dei passi dolomitici e Corvara, si arriverà poi nuovamente a Cortina alle 17:30.
Page 1 of 2

script payclick

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand