General Motors ha presentato quella che è la sua auto più potente di sempre. Parliamo di Corvette Z06 con motore LT4 da 650 Cv. Il comunicato ufficiale diffuso da GM pubblicizza il motore della vettura dicendo che:
 
''Rispetto ad altri motori di supercar, l'LT4 è una vera e propria 'fontana' di coppia ai bassi regimi producendo 619 Nm appena oltre il minimo e 847 Nm a soli 2.800 giri e mantiene invece il 90% della coppia massima pari a 802 Nm tra 2.500 e 5.400 giri. E si afferma anche che il nuovo motore LT4 ''eclissa il picco del livello di potenza e coppia della Porsche 911 Turbo S di 90 Cv e di 182 Nm''.
 
Steve Kiefer, vice presidente GM Powertrain Engineering ha anch'egli parlato del motore l'LT4 Small Block rivelando che esso ''fissa un nuovo punto di riferimento per potenza e coppia alla General Motors e mette anche la nuova Corvette Z06 alla pari con le supercar più potenti vendute in America, offrendo elevate prestazioni con un comportamento impeccabile, caratteristica questa che la rende adatta anche per la guida quotidiana''.
 
Il nuovo V8 della Corvette Z06, in vendita a partire dall'estate del prossimo anno, presenta una cilindrata di ben 6,2 litri andando ad offrire 12 Cavalli in più rispetto all'LS9 della Corvette ZR1.
 
 

Già proprietaria di marchi come Opel, Chevrolet e Cadillac, Genaral Motors ha reso note delle informazioni maggiori su quelli che saranno i motori di nuova generazione Ecotec. Parliamo di ben 11  modelli. Tali motori Ecotec, entro il 2017, andranno ad equipaggiare 27 modelli di cinque marchi GM.L'obiettivo è quello di produrre 2,5 milioni di unità all'anno in 5 siti di produzione: Michigan, China, Ungheria, Messico e Sud Corea. Basta pensare che solo l'impianto di Flint, negli Stati Uniti, ha beneficiato di un investimento di 200 milioni di dollari in tecnologie che saranno indispensabili per la produzione dei muovi motori

In Europa, Opel ha presentato motore Ecotec che ha presentato un 1.0 tre cilindri turbo da 90 e 115 Cv al debutto sulla Adam. Secondo la GM, tale motore risulta più efficiente del 20% rispetto al motore 1.6 quattro cilindri che sostituisce. Ad esso, seguiranno i motori 1.4 turbo che sviluppa una potenza da 150 CV e che la casa ritiene più silenziosa di almeno il 50% del motore 1.4 della Volkswagen. Tale modello si presenta del 25% più silenzioso rispetto al tre cilindri 1.0 turbo Ecobbost. Tale motore svilupperà una potenza di 148 CV e 235 Nm di coppia.   
 
Tale nuovo motore, che sarà impiegato insieme all'1.4 turbo sulla prossima Chevrolet Cruze in Cina, è un 1.5 aspirato a quattro cilindri capace di sviluppare 115 CV e 146 Nm di coppia. Nel complesso i motori Ecotec comprenderanno modelli a tre e quattro cilindri da 1.0 a 1.5 e capaci di sviluppare delle potenze comprese tra i 75 e i 165 CV e una coppia da 95 a 250 Nm.
 
 

General Motors ha annunciato il ritiro di altri 971mila veicoli negli Stati Uniti a causa di un problema all'accensione. Non è la prima volta, nel corso delle ultime settimane, che General Motors finisce sull'agenda nera. Infatti, già lo scorso 12 febbraio, il famoso produttore americano ha annunciato il ritiro di 3,4 milioni di vetture negli USA, a causa di diversi problemi. I modelli in questione stavolta sono: Chevrolet Cobalt, Pontiac G5, Solstice e Saturn Sky Ion. Tali vetture sono state prodotte tra il 2008 e il 2011. Parliamo dunque di un ritiro di quasi 5 milioni di veicoli. 

General Motors ha fatto sapere che il richiamo è stato deciso in modo da riuscire a trovare tutti quelli che sono i sistemi di accensione difettosi. Tale difetto avrebbe anche causato la morte di 12 persone, sebbene GM abbia precisato di non essere a conoscenza di vittime legate a tali difetti tra il 2008 e il 2011. Recentemente, il dipartimento della Giustizia americano ha aperto un procedimento penale contro la multinazionale proprio a causa di queste morti che sembrerebbero riguardare il sistema di accensione e che avrebbero pertanto fatto scattare le indagini.

Le autorità USA ritengono infatti che l'azienda, pur a conoscenza dei difetti delle vetture, avrebbe evitato di ritirare subito i modelli coinvolti per non subire danni nelle vendite e all'immagine.

script payclick

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand