Error
  • JUser: :_load: Unable to load user with ID: 44

Buon compleanno al semaforo, compie 100 anni

Rate this item
(0 votes)
Wednesday, June 04, 2014 0:00

Correva l'anno 1914 quando centinaia furono le persone che, alle 5 del pomeriggio, si diedero appuntamento alle 5 del pomeriggio tra la East 105th Street e la Euclid Avenue. Tra giornalisti e curiosi, tante erano le persone in attesa di vedere la prima luce e verde e poi quella rossa di quello strano aggeggio piantato nell'asfalto. Era entrato in funzione il primo semaforo elettrico della storia, azionato a distanza da un poliziotto in una cabina di comando. Da allora in poi quelle luci, a cui si aggiunse il giallo, iniziarono ad accendersi in tutto il mondo.

L'inventore del semaforo, che ci dice quando premere il piede sull'acceleratore o sul freno, è James Hogee. Con William Potts abbiamo invece avuto il primo semaforo automatico, mentre nel 1923 Garret Morgan avrebbe brevettato il terzo segnale luminoso di colore giallo. In Europa, il primo semaforo si accende nel 1922 a Parigi salvo poi fare la sua comparsa ad Amburgo, Berlino, Londra. In Italia bisognerà invece aspettare il 1925 per vedere in azione il primo semaforo. Siamo a Milano all'incrocio tra Piazza Duomo, Via Orefici e Via Torino. 

Roma, la Capitale, non poteva però rimanere indietro e nel 1929, l'ingegner Filippo Ugolini, vice comandante dei Vigili del Fuoco, inventore per diletto del tassametro, si mette all'opera per collaudare anche a Roma il semaforo, in modo da rendere più sicure le vie capitoline. 

Il suo immediato utilizzo non fu di certo un successo, causando subito un tamponamento a causa del repentino ed immediato passaggio dal verde al rosso e viceversa.  Accanto al segnale luminoso se ne aggiunge così uno acustico, ma troppe sono le proteste dei residenti. 
Tuttavia, l'idea di fondo è buona e questa è la ragione per cui l'11 gennaio 1934 a Largo Goldoni venne installato un semaforo a più luci, in cui il passaggio dal rosso al verde, e viceversa, veniva segnalato da una serie di lampadine che si accendevano e si spegnevano in progressione.

Secondo convenzione, i colori dei semafori sono dunque 3 sebbene la sequenza cromatica non sia la stessa in tutti i Paesi del mondo. Un'altra tappa importante per i semafori è datata 1961, quando a Berlino venne installato il primo semaforo per i passaggi pedonali.ì, al giorno d'oggi davvero utilissimi.

 
Read 811 times

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand

Ti interesserà pure