Simona Vitale

Simona Vitale

Nata a Napoli nel 1982, amo la cultura, la legge e il giornalismo. Laureanda in Giurisprudenza, mi divido fra le mie grandi passioni sia nel lavoro che nella vita. 

Facebook: Simona Vitale

 

Uno dei principali poli di attrazione del Salone di Ginevra 2014 è sicuramente lo stand della BMW, meta sicuramente indispensabile per tutti coloro che amano le automobili e si sono recati al celebre salone. A fare da vera e propria star quest'anno è la BMW Serie 4 Gran Coupé. 

Parliamo di una coupé che ha però due porte dietro e un'aapertura decisamente grande per il baule, in risposta alla concorrente Audi A5 Sportback. Capace di dominare la scena con estrema sicurezza, la sua carrozzeria nel classico blu è capace di donare estrema eleganza e sportività.

La gamma motori è quella della Serie 4 coupé. Partiamo dalla Gran Sport 420d, con il turbodiesel 2.0 da 184 CV, fino a giungere alla 435i con il 6 cilindri in linea 3.0 turbo da 306 CV. Presto arriveranno, però, anche altre versione tra cui la xDrive a trazione integrale.    

Le immagini che vi mostriamo di seguito lasciano trasparire una classe ed una grinta che i più fortunati potranno verificare al Salone di Ginevra dove il contatto ravvicinato con la vettura offrirà sicuramente una visione più armoniosa e completa di tutti i dettagli dell'auto in questione.

 

Read more
Interessanti novità giungono dal Salone di Ginevra dove, tra le altre, è stata presentata Ford Mustang Cabrio 2014. Parliamo della variante con tetto in tela e che rappresenta una variante della celebre pony car statunitense. Il design si presenta davvero eccezionale esprimendo quella che è l'evoluzione di un'automobile che per decenni ha rappresentato quello che è lo stile libero e sportivo della casa automobilistica americana.
 
In primis, occorre dire che il frontale non è stato affatto stravolto ma solo affinato in modo da renderlo più dinamico. I fari sottili ben si armonizzano con la mascherina a nido d'ape che ospita quello che è il simbolo del cavallo che dà il nome alla celebre vettura. Passando alla parte posteriore, anche questa risulta ben riuscita grazie ai proiettori che richiamano quelli della Mustang del 1967. La fiancata scolpita, invece, esprime quella che è la potenza della vettura.
 
La capote si caratterizza per una speciale copertura multistrato che si aggiunge alla tela standard, offrendo così un certo confort e protezione sia dell'acustica che dalle intemperie. Anche l'abitacolo riprende quelle che sono le caratteristiche viste sulla variante coupè, così come il sistema multimediale Sync 2, che presenta un certo schermo "touch" da otto pollici. Esso permette di controllare il sistema di navigazione, la telefonia mobile e l'impianto audio che ha 12 altoparlanti.
 
Per quanto riguarda i propulsori, abbiamo il nuovo EcoBoost 2,3 litri, che offre costi di gestione decisamente accettabili. Grazie all'iniezione diretta del carburante e la fasatura variabile delle valvole, i consumi non sono esagerati e le prestazioni decisamente sportive.
 
Non manca anche il classico V8 da 5.0 litri che va ed equipaggiare la versione GT, capace di scaricare 426 CV e 529 Nm di coppia massima, tale da rendere la nuova Ford Mustang Cabrio un vero e proprio cavallo vincente.
Read more

Al Salone di Ginevra dello scorso anno, Qoros presentò la 3 Sedan, il primo modello del brand cinese che invece ora vuol conquistare l'Europa con un nuovo modello. Parliamo della 3 Hatch. Il design non si presenta come estremamente rivoluzionario, ma sembra rispecchiare i gusti degli automobilisti europei, grazie a quelle che sono le sue ambizioni sportive. I punti forti della vettura sembrano essere principalmente quelli relativi alla struttura e alla tecnologia. Per la precizione vi riveliamo che essi sono pari a quelli della Sedan che ha ottenuto 5 stelle EuroNcap, ovvero la massima valutazione in fatto di sicurezza in Europa.

 

 Stupefacenti sono anche gli allestimenti e le dotazioni, che spesso non è possibile riscontrare in vetture che hanno parità di prezzo. Il modello 3 Hatch offre di serie: verniciatura metallizzata, climatizzatore, impianto audio, immobilizer, dispositivo di avviamento senza chiavi. Opzionali, invece, sono il sistema di infotainment Multi Media Hub, che presenta uno schermo touchscreen da 8 pollici, nonché la piattaforma di servizi di connettività 3G QorosQloud.


Le motorizzazioni disponibili, come per la berlina, sono due: 1.6 benzina 4 cilindri da 126 cavalli (il cambio è manuale o automatico con doppia frizione a sei rapporti), mentre l'1.6 Turbo è decisamente più potente erogando, grazie alla sovralimentazione, ben 156 cavalli ed una coppia massima di 210 Nm. Tale motore è capace di raggiungere una velocità massima di 210 Km, consumando circa 6,5 litri di carburante per 100 km. La variante di vettura capace di migliori performance sarà disponibile solo con il cambio automatico doppia frizione a sei rapporti e trazione anteriore. 
Read more

Chi di voi appassionati automobilisti non ha mai sognato di guidare un'automobile potente e velocissima? Immaginiamo nessuna. Ebbene, oggi, vogliamo darvi notizia di una vettura capace di raggiungere la supersonica velocità di 440 km/h. 

 
Il suo nome è Koenigsegg Agera One:1 e nasce per opera dell’azienda scandinava specializzata nella creazione di vetture da record che ormai fanno concorrenza alle varie Lamborghini, Bugatti o Ferrari. Parliamo di veicoli eccezionali ed anche in questo caso le caratteristiche non mentono: la vettura in questione monta un V8 da 5 litri che sprigiona ben1341 cavalli (parliamo di quasi un Megawatt di potenza). 
 
La sigla One:1, presente nel nome della vettura, sta ad indicare il rapporto peso/potenza. Ciò sta a significare che ad ogni chilogrammo dell'Agera corrisponde un cavallo vapore. Nessun'auto su strada aveva mai raggiunto tale primato sino ad ora.

 

Non finisce qui: Agera sarebbe in grado di passare da 0 a 400 km/h in 20 secondi, mentre i 440 km/h la rendono l'auto più veloce del mondo. Curata in tutti i dettagli aerodinamici, che sono abbinati a delle linee capaci di rendere la vettura aggressiva e seducente, siamo sicuri che i ricconi faranno a gara per averla. Ne sono stati infatti prodotti solo 6 esemplari, anche se indiscrezioni rivelano che essi siano già stati tutti prenotati. Il prezzo non è ancora stato reso noto.

 

Read more

La situazione in tema di immatricolazioni auto è decisamente diversa a seconda del Paese al quale ci riferiamo. In Francia, nello scorso mese di febbraio, è stato registrato un calo dell'1,4% (pari a 141.300 unità), dopo che nel mese di gennaio c'era stata una lieve crescita. La notizia è stata fornita dalla Ccfa, l'Associazione dei costruttori francesi di automobili che però hanno constatato un aumento delle vendite con Psa Peugeot (4,2%) e con il gruppo Renault (1,7%). Se oltralpe calano le vendite dei produttori stranieri, la Fiat è riuscita comunque a strappare un 1,6%. Bene anche Alfa Romeo.

 

Situazione diversa in Giappone dove, a febbraio, le immatricolazioni hanno registrato un incremento del 15%, escludendo le minicar. Lo scorso mese sono stati venduti 336.176 auto, camion e bus superiori a 600 cc. Tale incremento, però, rischia di crollare a marzo a causa della tassa sui consumi che dal primo aprile aumenterà all'8% (attualmente è al 5%).

 

Anche in Spagna le immatricolazioni di febbraio sono cresciute del 17,8%, (parliamo di 68.763 unità) grazie al beneficio della rottamazione decisa dal governo iberico. A renderlo noto l'Anfac, l'Associazione spagnola dei fabbricanti di auto.

 
In una nota si legge: "Febbraio è stato un mese di forte rialzo delle vendite grazie al sostegno del piano Pive 5".

Oltreoceano, in America, Fiat Chrysler ha fatto sapere che le vendite di Chrysler sono cresciute e la casa Detroit, che fa parte di Fiat Chrysler Automobiles, ha registrato un aumento delle immatricolazioni di 154.866 unità (11%). Il comunicato della società rende noto che è buona la performance per i marchi Chrysler, Jeep, Ram Truck e Fiat, che, su base annuale, hanno tutte registrato un aumento delle vendite.
 

Read more

Nonostante la crisi economica dilagante, nel mercato delle auto si parla di una crescita, seppur lenta, del 2%. Al Palexpo di Ginevra dominando però macchine lussuose e compatte, ibride e minisuv, senza però dimenticare le supersportive. Euronews ha intervistato il presidente e amministratore delegato di Lamborghini, Stephan Winkelmann.

 

Sull'evoluzione del mercato automobilistico in generale, il numero 1 di Lamborghini ha detto:

 

"Il mercato automobilistico in generale è in crescita, anche nel 2013 è stato in crescita, si sono registrate 70 milioni di vetture e quest’anno, globalmente, è prevista un’ulteriore crescita. Per cui, forse, non all’andamento che ci si aspettava un paio di anni fa, ma sicuramente c‘è crescita anche nel 2014”.

 

Nel frattempo è stata presentata Huracan, erede della Lamborghini Gallardo uscita di produzione l’anno scorso. A proposito dell'uscita di tale vettura, Winkelmann ha detto: 

 

"Naturalmente per noi questa macchina rappresenta il futuro. La Gallardo è stata la macchina più venduta nella storia della Lamborghini, per cui sostituirla è un lavoro molto importante per noi. Sta andando bene perché abbiamo già raccolto più di mille ordini di questa Huracan. Il cliente tipo di solito è un uomo, un “self-made man”, un imprenditore, e di solito, in Europa ha circa 40 anni”.

 

Alla domanda se Lamborghini possa mai battere Ferrari, considerato il brand più importante del pianeta, Winkelmann ha risposto:

 

Io, come Lamborghini, non mi misuro con gli altri. Noi, nei primi quarant’anni – solo per darle un esempio – abbiamo venduto in tutto 10mila vetture. Adesso negli ultimi dieci anni, ne abbiamo vendute 20mila, per cui quello che ha fatto la Lamborghini negli ultimi dieci anni è qualcosa di eccezionale, che quasi, penso, nessun altro marchio abbia realizzato”.

 

Di seguito, il video della presentazione di Lamborghini Huracan:

 

 

Read more

Quando si parla di automobili, Mercedes è da sempre sinonimo di classe, eleganza e potenza. Dopo l'introduzione della Classe A (più piccola nella forma e monovolume), nonché di quella CLA, Mercedes Classe C era alla ricerca di una nuova identità. Mercede svolge in pieno il suo compito con la creazione di una nuova linea di vetture in sintonia con quelle che sono le auto della Classe S e che per la prima volta abbiam potuto osservare al Salone di Ginevra.

 
La nuova Mercedes Classe C presenta una carrozzeria fluida e moderna, ma riesce comunque ad essere elegante. Il frontale è levigato, mentre il cofano corto e la coda spiovente slanciano la vettura in avanti. Una pecca è data dal bagagliaio che non sembra essere molto capiente, in ogni caso, di contro, dietro si sta seduti davvero comodamente. 
 
Piccole gioie per gli automobilisti: la plancia della nuova Mercedes Classe C ha un design decisamente pulito. Per quanto riguarda il touchpad sul tunnel centrale, occorre dire che questo è molto intuitivo ma permette anche di esplorare il sistema d’infotainment che campeggia al centro dell'abitacolo.
 
Aggiungiamo anche che la Classe C ha motorizzazioni tutte Euro 6. Esse partono dal benzina 1.6 litri da 116 CV della C 180 e si sale poi ai 184 CV della C 200. Non mancherà anche il turbodiesel 2.2 litri da 170 CV della C 220. Presto saranno poi disponibili anche le versioni ibrida e ibrida plug-in, mentre, a richiesta, sarà disponibile anche il cambio automatico a 7 marce, la trazione integrale e le sospensioni attive.
 
 
Ecco il video della presentazione della nuova Classe C dal Salone di Ginevra:
 
 

 

 

Read more

Non ci si collega alla rete soltanto da telefoni, tablet e pc di ultima generazione. Ci si collega alla rete anche in automobile. Una recente indagine condotta da Accenture su 14.195 automobilisti di 12 paesi del mondo ha messo in evidenza quella che è l'importanza di essere connessi anche quando si è al volante della propria auto.

 
Per quanto riguarda quelli che sono i guidatori nostrani ne è emerso che l'81% degli automobilisti si connette alla rete per sapere gli aggiornamenti del traffico in modo da essere sempre al corrente di code o incidenti. L'’89% considera una priorità poter disporre delle funzioni di arresto automatico della macchina con relativa chiamata di emergenza qualora ciò si rendesse necessario. 
 
Il 74% degli intervistati, invece, è favorevole ad un sistema black box per quelle che potrebbero essere delle eventuali contestazioni assicurative, mentre il parcheggio automatico è desiderato dal 67% degli intervistati. La scelta tra le tecnologie più importantidi cui gli automobilisti italiani vorrebbero disporre e usufruire sta sicuramente nei sistemi per migliorare la visione notturna, desiderata dal 69% degli intervistati. Seguono sistemi di allarme anti collisione con radar e sensori, per il 66%, e sistemi per avvertire il guidatore in caso di calo dell’attenzione alla guida per il 45%.
 

Il 62% dei passeggeri intervistati, invece, vorrebbe, prevedibilmente, musica in streaming gratis. Seguono, con il 52% delle preferenze, anche dei sistemi di ausilio al traffico per evitare di rimanere intrappolati troppo tempo in automobile, nonché navigare tramite un sistema di infotainment di bordo.

 

Read more

Page 123 of 123

script payclick

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand