Peugeot è sempre proiettata verso la concretizzazione della sua idea di un'auto ibrida ad aria compressa. Parliamo della 208 HYbrid Air 2L che farà il suo debutto al Salone di Parigi (4-19 ottobre 2014). Il sistema con bombole di azoto compresso e motore-pompa al posto di batterie e motore elettrico, apposti sulla 208, consentono di raggiungere dei livelli di consumi record pari a circa 2 l/100 km, ovvero 50 km con un litro di benzina. Dominano l'alluminio e la fibra di carbonio che vanno a ridurre il peso a quota 860 kg, ovvero circa un quintale in meno della 1.2-litre PureTech 82 BVM5 su cui il prototipo è basato. Come accennato, la 208 Hybrid Air 2 L utilizza un mix di materiali leggeri come alluminio e fibra di carbonio, che vengono però lavorati e assemblati secondo quelle che sono le modalità utilizzate nelle linee di montaggio.

Il motore è un tre cilindri a benzina1.2-litre PureTech 82 che viene affiancato dal sistema ibrido ad aria che interviene con una spinta aggiuntiva nelle partenze. Il motore/pompa idraulicoè presente nel vano motore a fianco del 1.2 ed è alimentato da un serbatoio di aria compressa che si trova sotto il bagagliaio e da una bombola a bassa pressione che viene utilizzata come camera d’espansione. Invece del cambio manuale, poi, abbiamo unatrasmissione a ingranaggi epicicloidaliche serve da cambio automatico e insieme alla centralina di bordo gestisce il flusso di potenza dai due motori alle ruote motrici anteriori.

Gli assetti sono poi più aerodinamici. Abbiamo prese d’aria ridotte, montanti anteriori carenati, lo spoiler sul lunotto, l’estrattore in coda e la carenatura del sotto scocca, senza contare le telecamere invece dei classici specchietti. Il tutto per un'arodinamica migliorata del 20% rispetto alle altre 208. 

SsangYong, al prossimo Salone di Parigi, presenterà due nuovi concetti chiamati XIV-Air e XIV. Entrambi i prototipi saranno dunque svelati il ​​2 ottobre e sembrano svelare in anteprima quello che sarò il prossimo crossover compatto X100 di SsangYong. XIV sta per 'eXciting user-Interface Vehicle'. Tali concept car presentano 4.195 millimetri di lunghezza, con un passo di 2.600 millimetri, mentre sotto il cofano abbiamo un motore diesel o benzina da 1,6 litri che soddisfa le norme di emissione Euro 6.

SsangYong dice che la X100 sarà in vendita a partire dal prossimo anno e le probabilità rivelano anche che esso sarà offerto con un pacchetto opzionale di styling più robusto, come suggerito dalla concept XIV-Adventure. Ssanyong Motor Company è una casa automobilistica sudcoreana nata nel febbraio 2011 dopo che la Mahindra in India e Mahindra Ltd hanno acquisito il 70% della società. A livello globale, Ssangyong commercializza una gamma di automobili che vanno dalle autovetture ai veicoli commerciali.

Pensare di vedere un'auto che riesce a percorrere ben 100 km con meno di due litri di carburante è ormai realtà. Essa sarà commercializzata entro il 2020, da parte di Renault. Il suo nome è Eolab e rappresenta un prototipo con tecnologiaZ.E. hybridbenzina-elettricoche percorre100 km con 1 litro. Dovrebbe inoltre trattarsi di un mezzo alla portata di tutti e messo in commercio quindi ad un prezzo che sia accessibile. Per raggiungere un valore di  1 l/100 km, pari a 22 g di emissioni di CO2/kmin ciclo misto, i progettisti hanno lavorato non solo sulla tecnologia, ma anche sul peso e sull'aerodinamica.

ll corpo della vettura è stato ridisegnato per entrare perfettamente nell'aria, grazie anche ad elementi come lo spoiler attivo o i flap laterali che si aprono come alettoni, e rispetto ad un'altra vettura del segmento B, la Eolab è stata alleggerita di ben 400 kg grazie ad unascocca multimateriale(fatta di acciaio, alluminio e compositi) e ad un tetto in magnesiodi appena 4 kg. In questo modo, al risparmio di peso è corrisposto anche un minor costo degli organi del prototipo (motore, batteria, ruote, freni). Renault ha lavorato con diversi partner della filiera automobilistica francese, come Saint-Gobain per i vetri, Faurecia per i sedili e Michelin per i pneumatici. 

Peugeot svelerà la sua Peugeot Quartz Concept al prossimo Salone di Parigi. Grazie a tale prototipo possiamo dunque sare una sbirciatina a quelli che saranno i SUV futuri che prenderanno la via d'uscita dalla scuderia Peugeot. L'esterno vede uno stile sobrio con linee decise e sbalzi corti. Il SUV cavalca su enormi ruote da 23 pollici e beneficia di una struttura composita e di carene incollate che aiutano a ridurre il peso. Non c'è montante B e la Peugeot ha deciso di andare per porte di forbice, mentre i fari posteriori sono LED. Sotto il cofano del concetto abbiamo un 1.6 litri, motore a benzina 4 cilindri THP turbo capace di sviluppare 270bhp e 330 Nm. L'asse anteriore è anche alimentato da un 115bhp che fornisce un motore elettrico che ricarica la batteria da 400V durante la decelerazione e fornisce anche assistenza al motore convenzionale durante i cambi di marcia. Sul retro c'è un altro motore elettrico da 85 kW per la propulsione e la ricarica della batteria.

La modalità ZEV offre una gamma completamente elettrica di 50 chilometri in modalità Road ed utilizza il motore a combustione e il motore elettrico montato sull'asse anteriore. Il passaggio alla modalità Race permetterà alla concept di utilizzare la potenza combinata di motore THP e due motori elettrici. Ci sono un sacco di dettagli all'interno della macchina e c'è un progetto i-Cockpit con un volante compatto con controlli integrati per cambiare marcia, cambiare modalità di guida e utilizzare gli indicatori. La cabina vanta anche un display head-up configurabile con una striscia in policarbonato di 45 gradi centrale che fornisce delle informazioni in più, insieme con i sedili che hanno una struttura del sedile a vista e sono dotati di un' imbracatura a scomparsa.

Tra le novità più attese del prossimo Salone di Parigi in programma dal 4 al 19 ottobre, abbiamo anche l'innovativa Kia Optima T-Hybrid Concept, un prototipo basato sull'omonima berlina Kia e dotato ditecnologia ibrida capace di abbinare un propulsore elettrico ad un motore diesel. La vettura dovrebbe andare a sfruttare il motore compatto turbodiesel1.7 litri CRDi che ben si abbina ad un motore elettricoalimentato da unabatteria piombo-carbonio da 48V.

Per ora il Costruttore coreano mantiene un certo silenzio su questo prototipo che dovrebbe andare ad anticipare quella che è la tecnologia ibrida Kia dell'immediato futuro. Le uniche cosa che sappiamo al momento ci rivelano l'utilizzo di un compressore elettrico che è capace di offrire una maggiore coppa ed una risposta del propulsore ai bassi regimi. La meccanica ibrida della Optima dovrebbe disporre di una potenza complessiva  superiore di circa25 CV, rispetto ai136 CV erogati dal  turbodiesel1.7 litri. Esiste già una Kia Optima Hybrid, spinta dall'unità a benzina2.4 litri da169 CV che si abbina ad motore elettrico da 30 Kw.

script payclick

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand