Ad Eicma 2014 Honda promette di stupire, ma nel frattempo ci propone qualche novità in vista di Intermot 2014, fra cui spicca il nuovo scooter Forza 125, che va ad affiancare alla versione 300 un monocilindrico più piccolo che differisce anche per estetica, ma che si caratterizza per un look sportivo e delle ruote dal diametro più piccolo. L'estetica della versione 125 si basa su delle linee spigolose e molto tese. Il comfort non passa in secondo piano ed è presente anche una sella per pilota e passeggero e un parabrezza che si regola in 6 posizioni.

Poiché lo scooter in questione è un alto di gamma nel settore dei 125, non mancano di certo anche delle piccole chicche come i fari a LED e un quadro strumenti con display LCD con tachimetro e contagiri con computer di bordo. Il vano sottosella è ampio fino a 48 litri. Il motore è un 125cc 4 valvole raffreddato a liquido da 10,5 Kw a 8750 rpm e 12 Nm di coppia massima a 8250 rpm, che è capace di percorrere ben 43,5 km con un litro di carburante in ciclo misto. Sobrie e molto eleganti sono le colorazioni: Matt Cynos Grey Metallic, Matt Pearl Cool White/Black, Moondust Silver Metallic/Matt Cynos Grey Metallic, Matt Pearl Cool White/Matt Pearl Pacific Blue e Pearl Nightstar black/brown.

Al Salone di Parigi, arrivano delle novità per la Honda Civic 2015. Di sicuro non radicali, ma comunque meritevoli. Abbiamo un frontale che prevede un paraurti rinnovato e dei fari ridisegnati con delle modifiche anche in coda e relative al paraurti, alle minigonne, al piccolo spoiler nero e ai fanali a LED. Per quanto riguarda invece l'interno abbiamo nuovi sedili e inediti pannelli delle portiere con maniglie cromate; così come nuovo è anche il sistema multimediale Honda Connect, che equipaggerà tutte le Civic riviste.

Si basa su kermel Android 4.0.4 e sembra consentire una migliore connettività, sistema di navigazione internet, bluetooth, navigatore satellitare e telecamera posteriore per le manovre di parcheggio. Previsto di serie il sistema di frenata automatica d'emergenza, City Brake Active che si basa su una scansione radar della strada e, a velocità inferiori ai 30 km/h e in caso di un ostacolo rilevato, esegue in automatico la frenata. Abbiamo, per quanto riguarda gli allestimenti, la Honda Civic Sport con il motore diesel 1.6 da 120 CV o il 1.8 a benzina da 142 che si contraddistingue per lo spoiler posteriore e i cerchi in lega da 17”.

Allo stand Honda tutti gli occhi sono puntati su una sola supersportiva, la RC 214 V-S, versione stradale della moto campione del mondo Allo stand EICMA di Honda gli occhi sono puntati sulla supersportiva RC 214 V-S, la versione stradale della moto stradale guidata dal campione del mondo Marc Marquez, sebbene degna di attenzione sia anche la nuovaCBR 1000 RR Super Sport 2015. Ciò che rende bellissima questa splendida race replica è ovviamente la colorazione Repsol, fedele a quella della MotoGP che ha vinto tanti campionati del mondo. Una sorta di abito da gara per laCBR 1000 RR SP, la più estrema delle supersportive di serie Honda. 

 Davanti è presente un'unità pluriregolabile NIX30 con steli da 43 mm mentre al posteriore abbiamo il mono TTX 36, anche questo con la possibilità di regolazione. I freni sono Brembo, ovvero pinze radiali monoblocco a quattro pistoncini che mordono due dischi da 320 mm davanti, mentre al posteriore abbiamo una pinza a singolo pistoncino che si aggrappa al disco da 220 mm. 

La meccanica non cambia e abbiamo così il 4-in-linea da 999,8 cc e alimentazione PGM-DSFI capace di erogare 181 CV a 12.250 g/min, per una coppia massima di 114 Nm a 10.500 g/min e un peso totale di 199 kg, in modo da promettere di essere una delle più versatili supersportive sul mercato.

Honda propone una nuova automobile, definita la piccola Spider: facciamo riferimento alla nuova Honda S660 che appartiene alla categoria delle microcar, oltremodo definite kei car.

La definzione è decisamente calzante, visto ceh la lunghezza non supera i 3,4 metri e la cilindrata è di 660 cc. Honda ha realizzato la S660 Concept Edition in soli 660 esemplari, esclusivamente per il lancio sul mercato. La Honda S660 è caratterizzata da un motore centrale a benzina 3 cilindri turbo con potenza da 64 CV, abbinato alla trazione posteriore ed al cambio manuale a sei velocità oppure al cambio automatico CVT.

La Honda S660 è equipaggiata da due posti ed è dotata di roll-bar e di capote in tela pieghevole esclusivamente sulla parte superiore. Questa nuova auto della casa giapponese, attualmente, è disponibile all'acquisto solo in Giappone. Il costo al quale è possibile comprare, se vi trovate in Giappone, la nuova Honda S660 ammonta a 1,98 milioni di Yen che, tradotti in euro, sono quasi 15,000 mila euro, secondo il cambio valuta aqttuale.

Pare, però, che questo modello non arriverà in Italia e non si conoscono ancora bene i Paesi nei quali eventualmente sarà messo in commercio. 

Il test drive della nuova Honda Civic ha evidenziato caratteristiche innovative e interessanti. 
Siamo di fronte ha una vettura arricchita da un motore 1.6 i-DTEC da 120 cavalli e 300 Nm di coppia che si adatta in modo perfetto al mercato europeo con prestazioni eccellenti abbinate a consumi ridotti.
Questo modello a gasolio, da lungo atteso dai fedeli di Honda, non ha deluso le aspettative con un propulsore che fa quanto dice e promette. Da non dimenticare poi il cambio a sei marce ben più leggero rispetto a quello del precedente modello 2.2.
Le altre peculiarità della nuova Honda Civic sono il modernissimo sistema di raffreddamento del motore, l'innovativo alternatore che attiva anche lo Start&Stop, il cruise control adattivo, il controllo di stabilità, il sistema di frenata a riduzione di impatto e il bagagliaio ampio con la possibilità del ripiegamento dei sedili posteriore per avere ancora più spazio.
I prezzi vanno partono dai 21.750 euro del modello i-DTEC Comfort e arrivano ai 27.100 euro della versione top 1.56 i-DTEC Sport HDD Sat Navi.

La prova su strada, secondo i tecnici che l'hanno effettuata, ha evidenziato, subito al primo impatto, la verità dei pregi elencati dalla casa giapponese.
La guida è risultata piacevole ed il motore si è dimostrato veramente silenzioso. 
Infatti sia percorrendo i tratti urbani come quelli al di fuori della città si riscontra l'effettiva assenza di rumori.
Quindi abbiamo a che fare con un propulsore ovattato e impercettibile, ma nello stesso tempo brillante e prestante che non rimane indietro nelle rapide accelerazioni.
I consumi dichiarati dalla Casa, un po' troppo ottimistici, come del resto fanno tutti i gruppi automobilistici, sono abbastanza rispettati. La Casa nipponica presenta un consumo medio, nel percorso misto, di 3,6 litri ogni 100 km, però leggermente alzato dalle prove su strada che hanno avuto un riscontro di effettivi 4,5 litri, tuttavia un risultato essenzialmente positivo.
Il percorso su strada ha fatto poi rilevare la precisione di casa Honda con la sua impeccabile tecnologia che si manifesta da subito, sin dai primi chilometri, con delle componenti assemblate in maniera perfetta e di notevole qualità.
La guida si è verificata comoda con i comandi molto a portata di mano e di facile accesso ed una ottima ergonomia che, in maniera eccellente, rapporta l'uomo la macchina e l'ambiente.
Lo sterzo è stato sperimentato di grande funzionalità come pure il sistema frenante che è sembrato ineccepibile.
Anche su autostrada ha fatto bella mostra di sé sfoderando doti da esemplare stradista.
Il giudizio complessivo è quindi senz'altro positivo per la nuova Honda Civic 1600 turbodiesel, una vettura che ha fatto provare nel test drive splendide sensazioni ed una guida molto confortevole. Tutto ciò ha dato un ulteriore convincimento sulle qualità del nuovo propulsore Honda dove emergono brillantezza e dinamicità coniugate insieme a morbidezza e bassi consumi.

 

Page 2 of 3

script payclick

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand