Una domanda di brevetto, sepolta sotto i documenti depositati presso il 'Patent and Trademark Office' degli Stati Uniti, ha rivelato quella che è la nuova Honda. A riferire di essa è stato il sito americano Motorcycle, il quale ha rivelato che la Casa giapponese sta sviluppando una bicilindrica specialistica in stile retrò. I disegni presentati per il brevetto fanno intravedere quello che è il profilo di una motocicletta che ha faro e specchietti retrovisori tondi, protezioni paramani, ruote a raggi e tubo di scarico ascendente. La futuribile moto, inoltre, avrebbe un grosso motore bicilindrico parallelo di circa 1000 cc di cilindrata. 
 
Non sappiamo se si tratti di un disegno presentato soltanto in modo da poter ottenere il brevetto. Sta di fatto che, l'estrema precisione dei dettagli mostra delle misure e delle dimensioni dei bulloni per il fissaggio del motore, catalogati con estrema precisione. Il che fa supporre la presenza di un motore già progettato, assemblato e pronto ad andare in produzione. 

I dati riportati sulla domanda di brevetto non rivelano nulla sulla possibile entrata in produzione del modello. C'è da dire che, comunque, non sono pochi i brevetti che impiegano anni prima di arrivare alla delibera di produzione. I nomi del possibile modello futuro della Honda sarebbero, per il momento, sembrano essere: Elsinore e Africa Twin. Nomi del passato, dunque. Elsinore era una piccola off road del 1973, ma il nome rappresenta un'immagine inadeguata per una grossa bicilindrica da 1000 cc. Africa Twin, invece, rappresenta un nome più appropriato essendo appartenuta in passato ad una grossa e potente enduro.
 
 

Ormai da tempo Honda crede nella mobilità dei veicoli che sono mossi da motori elettrici alimentati dalle fuel cell, cioè pile a combustibile, ed in cui cui l’idrogeno e l’ossigeno si combinano per generare energia elettrica. Con questa convinzione, si alza il sipario sulla Honda FCV Concept che anticipa il veicolo a fuel cell oggi in via di sviluppo ed il cui lancio è previsto per il 2016 proprio in Giappone, salvo poi approdare in Europa. La concept Honda FCV rappresenta una ulteriore evoluzione della Honda FCX presentata nel 2002 e messa in vendita nel 2003 ad un gruppo selezionato di privati, salvo poi essere rinnovata nel 2008 quando fu chiamata FCX Clarity. 

 
La nuova Honda FCV consente prestazioni migliorate del 60% rispetto al modello precedente, con una potenza erogata dal motore elettrico di 136 CV. Il serbatoio è ad alta pressione (700 bar) e consente di imbaracare idrogeno sufficiente a generare energia elettrica necessaria a far funzionare il motore elettrico con un'autonomia di circa 700 chilometri, Secondo Honda, uno dei vantaggi maggiori di tale tipo di vettura, rispetto alle altre elettriche, è la possibilità di ricaricarla davvero in pochi minuti. Insieme alla Honda FCV è stato presentato anche un generatore che collegato alla vettura può essere alimentato da essa con l'idrogeno e produrre corrente anche per un'altra fonte, come ad esempio la casa.

Presentato al Salone di New York, è stato costruito dalla Honda sebbene non parliamo di un'auto. Parliamo infatti di un robot che si chiama Asimo, un robot umanoide che debutta in Europa nella sua ultima versione sempre più funzionale. Asimo è l'acronimo di Advanced Step in Innovative Mobility, sebbene non sia impossibile cogliere quello che è l'omaggio a Isaac Asimov, il grande autore russo di fantascienza. La produzione del robot ha avuto luogo nel 1986, ma è al 2003 che risale la presentazione di un prototipo in grado di muoversi in maniera autonoma sebbene guidato da strisce sul pavimento. Asimo è alto poco più di 130 centimetri ma può riconoscere contemporaneamente i volti e le voci delle persone che lo circondano. L'Asimo del 2014 può anche correre all'indietro e saltare, oltre ad essere diventato molto più veloce nella corsa in avanti: 9 km/h anziché i 6 della generazione precedente.

Le dita sono cinque in  modo tale che Asimo è anche in grado di svolgere dei piccoli lavori manuali com aprire una bottiglia anche piccoli lavori manuali, come ad esempio aprire una bottiglia e versarne il contenuto in un bicchiere. Inoltre è in grado di aprire le porte, fare le scale, portare oggetti in modo stabile. Al momento Asimo resta un prototipo della Honda che ha sempre manifestato tendenza all'innovazione e alla ricerca della tecnologia più avanzata.

Nonostante da tempo si discuta dell'inevitabile crollo del mercato, la domanda di SUV e Crossover continua a crescere a ritmi sostenuti in diverse parti del mondo, in particolare nel ricco mercato automobilistico europeo. Con cinque milioni di unità vendute dal suo esordio sul mercato, l'Honda CR-V,acronimo di "Comfortable Runabout Vehicle", è senza dubbio uno dei modelli maggiormente apprezzati e diffusi dell'intero settore.

Il design e le specifiche dell'Honda CR-V hanno subito un notevole restyling nell'attuale quarta generazione. La doppia griglia presente sul modello precedente ha lasciato il posto ad un unico muso che gli conferisce un'aria molto più ordinata e pulita seppure i più nostalgici abbiano la possibilità di montare nuovamente una griglia a nido d'ape interamente cromata.

Guardando con attenzione il retro della vettura è possibile scorgere con chiarezza il tipico profilo pronunciato del CR-V sul quale troneggiano i gruppi ottici posteriori davvero ben realizzati ed in sintonia con le linee del SUV. Anche i finestrini laterali hanno subito diverse modifiche disegnando delle curve nette e ben definite.

I progettisti della Honda hanno lavorato parecchio anche nel miglioramento dell'ergonomia e della comodità di accesso ai vari comandi della plancia e del cruscotto ottenendo un risultato davvero notevole. Tutto risulta perfettamente a portata di mano e disposto nel modo più congeniale alla comodità ed al comfort di guida. Nonostante in questi anni la Honda ci abbia abituato a delle soluzioni di design futuristiche e parecchio fuori dall'ordinario, nel suo complesso l'interno risulta essere dall'aspetto alquanto "tradizionale".

Al centro del cruscotto è presente una cavità che ospita il display da cinque pollici dove vengono mostrate le informazioni di bordo e le immagini posteriori quando si attiva il sensore di parcheggio. Nonostante le dimensioni, l'incasso del display all'interno della plancia risulta essere notevole il che, a detta di molti, limita la visione dello stesso e soprattutto non consente una visione ottimale con un semplice colpo d'occhio.

 

Honda-C-RV-2013-test-drive

 

Come è intuitivo aspettarsi da un SUV / Crossover, l'Honda CR-V dispone di un abitacolo notevole che rende la permanenza all'interno del veicolo comoda e rilassante. Grazie ad un meccanismo a molle ideato dalla Honda, con un semplice gesto è possibile retrarre i sedili posteriori in un batter d'occhio rivelando uno spazio di carico di ben 1.146 litri. Se non bastasse all'interno dell'abitacolo sono previsti anche diversi vani e spazi riponi oggetti.

Appena girata la chiave di accensione il motore SOHC i-VTEC 2.0 fa sentire tutta la sua voce. Grazie ad una potenza di picco di 150 CV ed una coppia massima di 190 Nm il propulsore è in grado di spingere l'Honda CR-V da 0 a 100 Km/h in 12,7 secondi fino ad una velocità massima di 183 Km/h. Valori in linea con i parametri medi fatti registrare da altri autoveicoli di analoga categoria.

Il cambio a cinque marce risulta ben smorzato mentre il motore emette un suono in sordina pulito che aumenta di frequenza al salire dei giri. Presupposto che un veicolo del genere permette di apprezzare appieno le sue possibilità su percorsi accidentati e tortuosi, la guida cittadina risulta particolarmente comoda. La visibilità a tutto tondo e la resistenza dello sterzo, variabile in funzione della velocità, consentono un'esperienza di guida particolarmente piacevole e confortevole.

Da sottolineare la presenza di un'innovativa tecnologia denominata "Real Time 4WD" che si occupa di trasmettere la trazione alle ruote posteriori solo quando necessario oltre a sistemi di sicurezza e assistenza alla guida quali: airbag, ABS, EBD, VSA, TCS e ISOFIX. Il prezzo risulta molto variabile in funzione della specifica configurazione prescelta. Si parte da 23.900 euro per il modello base Honda CR-V 2.0 i-VTEC Comfort fino ad arrivare ai 43.500 euro dell'Honda CR-V 2.2 i-DTEC Executive Navi Adas Aut.

 

Anche Honda fa la sua apparizione al prossimo Salone di Parigi e presenta agli europei un piccolo SUV. Parliamo della HR-V, proposta per l'Europa della Vezel. Già si sapeva che sarebbe arrivata la urban SUV europea avversaria di Nissan Juke, Opel Mokka, Peugeot 2008, Ford EcoSport. La presentazione del prototipo HR-V anticipa quella della versione di serie, che è attesa per il 2015, sebbene rispetto alla concorrenza arriva più tardi.

Le informazioni sul modello e i dettagli sul lancio verranno comunicati il 2 ottobre. Al momento sono state rilasciate poche immagini e sembra noto che si tratta di una motorizzazione ibrida. La promessa di Honda è quella relativa ad un abitacolo particolarmente spazioso. Per distinguersi dalla altre SUV cittadine la HR-V avràMagic Seatsovvero dei sedili versatili che offrono tante configurazioni. 

Page 3 of 3

script payclick

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand