Anche Mazda entra ufficialmente a far parte del segmento dei piccoli motori diesel grazie a Skyactiv-D 1.5 che debutterà sulla prossima Mazda2. Il principio alla base del piccolo motore è lo stesso di quello che caratterizza lo Skyactiv-D 2.2 della Mazda CX-5. Parliamo dell'ottimizzazione del processo di combustione del gasolio e del basso rapporto di compressione, ovvero quegli elementi che consentono di ottenere l’omologazione Euro 6 senza dover procedere alla riduzione selettiva catalitica allo scarico e pertanto senza aggiunta di AdBlue. Il nuovo motore Mazda Skyactiv-D 1.5 sviluppa 105 CV a 4.000 giri/min raggiungendo un picco di coppia massima di 250 Nm fra 1.500 e 2.500 giri/min.
 

Sebbene i dari relativi al consumo ed emissioni non siano ancora stati ufficializzati, sono stati però annunciati come i più bassi fra le vetture dotate di motore a combustione interna.

L'innovativo motore Skyactiv-D 1.5 ha il più basso rapporto di compressione fra i diesel di piccola cilindrata, vale a dire 14,8:1 che va a migliorare il funzionamento del motore ai bassi regimi, mentre l’uso di un doppio sistema EGR ad alta e bassa pressione amplia il regime di funzionamento a combustione magra e omogenea. Parliamo comunque di un motore a corsa lunga 1.497 cc che è dotato di turbocompressore a geometria variabile con sensore di rotazione e intercooler integrato nel condotto di aspirazione tale da migliorare l'efficienza della sovralimentazione. 

 

 

 
 

script payclick

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand