È una delle vetture con tecnologia ibrida più compatta e apprezzata sul mercato delle automobili. Facciamo riferimento alla Toyota Yaris Hybrid, ora proposta nella versione Glamour, realizzata in collaborazione con l'omonimo e famoso mensile.

La citycar della nota azienda giapponese è piaciuta talmente tanto, che la Toyota ha registrato quasi il 40% delle vendite del modello stesso. La versione realizzata con il magazine, inoltre, è caratterizzta da un equipagiamento molto curato, adatto perfettamente alle donne che amano guidare senza rinunciare allo stile e a forme di tendenza, anche per la propria automobile.

Sul piano estetico, la nuova Yarus Hybrid by Glamour ha una livrea esterna che la distingue dal modello base, definita Aqua, che va ad abbinarsi ai cerchi in lega da 16 pollici e alle finiture Piano Black per le fiancate e le calotte degli specchietti laterali. Non è tutto: questa vettura, dal gusto femminile, è caratterizzato da un battitacco cromato, tappetitino con finitura in tinta e il badge 'By Glamour', inserito sui montanti posteriori Mat Black.

Ci sono, poi, gli spiegcchietti laterali che sono chiudibili mediante controllo elettrico e la funzione che permette l'accensione e l'ingresso senza usare la chiave, mediante tecnologia wireless. Ciò è possibile tramite due dispositivi: Smart Entry e Start System. A queste funzionalità si aggiungono i sensori pioggia e crepuscolare, nonché lo specchietto reotrvisero interno elettrocromatico.

Una delle chicche che le donne apprezzeranno scegliendo questa automobile è l'esclusiva Glamour Gift Box, ricca di gadget personalizzati: possiamo annoverare tra questi, una t.-shirt, un portachiavi ed una shopping bag, nonché un abbonamento annuale al mensile Glamour in versione digitale e la possibilità di richiedere una consulenza via email direttamente a Glamour per ottenere consigli di stile sugli ultimi trend del momento.

Il suo nome è Celerio ed entro pochi mesi farà il suo debutto in Italia. Parliamo della nuova city car firmata Suzuki lunga 3.600 mm e larga 1.600 mm, che subito si preparerà ad affrontare il traffico delle città abbinando a delle piccole dimensioni davvero da record, anche il massimo del comfort e della comodità. Il bagagliaio presenta una capacità di oltre 254 litri, mentre l'abitabilità a bordo è garantita dalle 5 porte che sono tutte dotate di cristalli scorrevoli, dall'utilizzo di materiali fonoassorbenti e dalla struttura della scocca che accoglia una seduta decisamente comoda, anche per quelle persone che presentano una statura sopra la media. Su questa piccola city car è stata adottata la tecnologia Suzuki TECT (Total Effective Control Technology) che presenta un corpo vettura leggero e solido, realizzato in modo tale da ridurre gli effetti di una eventuale collisione e allo stesso tempo assicurare protezione alla cellula abitativa. I motori previsti sono due ed entrambi da 1.0 litri.

Abbiamo un affidabile K10B sul quale sono state apportate diverse migliorie come la riduzione del peso e degli attriti interni che vanno a salvaguardare l'ambiente, mentre il  nuovo K10C si caratterizza per degli importanti avanzamenti in termini di rendimento termico che derivano dall’alto rapporto di compressione, adozione di un sistema a doppia iniezione e dalla riduzione degli attriti, in modo da ottenere un eccellente bilanciamento in termine di rapporti tra prestazioni e consumi. Le trasmissioni sviluppate sono 2: ne abbiamo una manuale a 5 marce e meccanico robotizzato (“Auto Gear Shift”) con un attuatore elettroidraulico che va ad agire sugli innesti e sulla frizione in modo automatico. Inizialmente la compatta verrà commercializzata con il motore K10B, cambio manuale e in 2 allestimenti, tutti da 5 posti. Di serie abbiamo 4 airbag, aria condizionata, ABS con ESP, sistema di assistenza alla frenata (Brake Assist Function), dispositivo Bluetooth, sistema audio con lettore CD-MP3 e presa USB.

Sebbene siano passati solo poco meno di 2 anni dal debutto ufficiale della BMW i3, la prima auto elettrica di lusso della Casa tedesca, già arriva il suo clone dalla Cina. Parliamo della Wuling City Car, che a livello stilistico si presenta quasi identica. Tuttavia, occorre dire che innanzitutto la vettura elettrica cinese è stata rimpicciolita rispetto alla versione originale, mentre i contenuti tecnologici sono proprio agli antipodi. La Wuling Hongguang è una tra le auto più popolari in Cina e tra le dieci più vendute al mondo, ma ora il produttore vuole entrare anche sul mercato delle macchine elettriche.

La Wuling City Car farà il suo debutto ufficiale al Guanzhou Auto Show (20-23 novembre) e dovrebbe entrare in commercio a partire dalla prossima estate. Gli appassionati hanno subito notato che il design a due posti della vettura in questione ricorda molto quello della Bmw i3. Il motore è un elettrico da 170 Cv e capace di sviluppare una coppia massima di 250 Newtonmetri che consente un'accelerazione da 0 a 100 km/h in 7,2 secondi. Il tutto per un'autonomia di circa 130-160 chilometri.

La SAIC-GM-Wuling ha venduto nello scorso mese di agosto un totale di 148.555 veicoli (+21,1% rispetto allo stesso periodo di un anno fa), mentre il costruttore americano possiede una quota del 43% nella joint venture.

Page 2 of 2

script payclick

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand