Se pensate che su Amazon potete comprare solo libri, elettrodomestici e fare la spesa, sappiate che vi sbagliate di grosso. Fca e Amazon, infatti, hanno concluso un accordo con il quale d'ora in poi sarà possibile anche acquistare delle auto direttamente dal famoso sito di e-commerce. Gianluca Italia, responsabile del mercato italiano, ha definito l'accordo come "una finestra su un nuovo orizzonte, una rivoluzione nel modo di scegliere le vetture"

Per il momento potranno essere acquistati online 3 modelli: la Fiat 500, la Fiat 500 L e la Fiat Panda. Aggiunge Italia: "Con Amazon innoviamo perché crediamo necessario un nuovo modo di vendita più trasparente e chiaro". 

Sarà possibile scegliere il colore e l'allestimento della vettura, ma per il momento parliamo solo di auto Fiat. Per il ritiro, invece, bisogna ancora muoversi in prima persona. L'auto, infatti, non arriverà direttamente a casa ma dovrete andare a prenderla al concessionario dove verrà finalizzato l'acquisto. 

Che ne pensate di questa nuova frontiera superata per l'acquisto di una vettura online?

I tempi che corrono non sono del tutto piacevoli per FCA. Parliamo della holding nata dalla fusione di Fiat e Chrysler. In seguito, infatti, ai richiami relativi alle Jeep Grand Cherokee e alle Dodge Durango del 2012-2013, la casa automobilistica di Detroit ha emesso una nota che riguarda anche le Fiat 500L prodotte nel 2014 e che sono state commercializzate in America settentrionale. Parliamo di 19,500 veicoli, di cui 18.100 negli USA e 1.400 in Canada. 
 
Non tutte le auto in questione sono circolanti, sebbene solo il 20% di esse si trova presso i concessionari. Il problema, già segnalato da diversi automobilisti, riguarda il software che gestisce il sistema a doppia frizione e sei cambi. Il problema sta nel fatto che il programma non risponde o è lento ai comandi per cambiare la marcia. Gli ingegneri di FCA ritengono che il difetto risieda in un microcontroller che, sottoposto a temperature estreme, non reagisce nella giusta maniera.
 
La casa automobilistica ha fatto anche sapere che al momento non sono stati riscontrati né incidenti né feriti per il problema che sarà risolto grazie ad un aggiornamento del software. I costi e la proceduta saranno, ovviamente,a carico di FCA. I proprietari dei veicoli in questione saranno presto contattati per sapere la data di consegna.

script payclick

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand