Senza nome e cognome perché nati per morire. La battaglia contro la mortalità infantile

Vota questo articolo
(0 Voti)
Martedì, Ottobre 21, 2014 13:55

Dal 1990, il tasso di riduzione è triplicato. Grazie a questo, circa 100 milioni di bambini sono stati salvati negli ultimi 20 anni. Benissimo, si dirà, ottimi progressi. Ma la situazione è meno positiva di quello che sembrerebbe. E qui cominciano le note dolenti: nel mondo ci sono ancora 6,3 milioni di bambini sotto i 5 anni che muoiono ogni anno. Un totale, dal 1990 al 2013, di 223 milioni. Duecentoventitre milioni. Ripetiamocelo ancora che non si sa mai: 223 milioni.

Un numero incredibile. L’Italia, per capirci, ha circa 60 milioni di abitanti. È come se sparissero quasi 4 Italie. Per sempre. Mai nessuna guerra, neanche quella più efferata e cruenta, ha mai fatto tanto. Nessuno disastro naturale. Nessun terremoto, alluvione o tsunami. Nel 2000 i Paesi del mondo si erano dati degli obiettivi (chiamati obiettivi di sviluppo del millennio – MDGs, Millenium Development Goals in inglese) fra cui quello di ridurre la mortalità infantile di 2/3 entro il 2015. Questo obiettivo non sarà affatto raggiunto il prossimo anno ma, andando avanti di questo passo, solo nel 2026.

Un ritardo, colpevole, di ben 11 anni. 11 anni in cui moriranno altri bambini ed altri ancora (attualmente il ritmo è di 1 ogni 5 secondi).

Come si può assistere a tutto ciò senza fare niente? Come possiamo stare fermi di fronte a una strage del genere? La più grave di tutti i tempi. Come si può se si considera che questi bambini muoiono per delle cause prevenibili e delle malattie (polmonite, diarrea, malaria, complicazioni al parto) che potrebbero essere curate con delle semplici ed efficaci soluzioni.

Soluzioni che abbiamo a portata di mano. Oggi, non domani. Vaccini, zanzariere, allattamento al seno, assistenza sanitaria prima, durante e dopo il parto, per citarne alcune. Non c’è quindi bisogno di inventare nulla. Non dobbiamo studiare cure per malattie misteriose e sconosciute.

Due situazioni particolarmente significative sono quelle relative ai neonati e alle mamme. Le descrivo: i primi giorni di vita di un bambino sono i più difficili, questo lo sanno tutti. E infatti 2,8 milioni ogni anno muoiono nel primo mese (28 giorni per l’esattezza), 2 milioni nella prima settimana e ben 1 milione nel primo giorno. E’ paradossale che il giorno che dovrebbe essere il più bello, il più felice, si riduca miseramente al più brutto. Ci sono genitori che non danno il nome al proprio figlio per le prime settimane, perché non sanno se sopravvivrà o meno. Solo il 59% dei bambini sotto l’anno di età vengono registrati alla nascita (questo, oltre all’incertezza sulla sopravvivenza, pone il problema, enorme, di rendere i bambini invisibili al già debolissimo sistema sanitario del paese e quindi impossibile sapere chi debba essere vaccinato o meno).

E poi le mamme, le donne: l’istruzione per le bambine e le ragazze è cruciale per la riduzione della mortalità infantile. Questa, badate bene, non è un’affermazione di principio. E’ scienza, un dato di fatto: la mortalità neonatale fra le mamme senza istruzione è quasi il doppio rispetto a quelle con istruzione. Ancora: la mortalità è più alta fra le mamme più giovani, fra quelle che mettono meno intervalli tra un parto e l’altro, così come fra quelle che vivono nelle aree rurali, dove l’accesso alle cure sanitarie è più difficoltoso. Il destino di un bambino, quindi, è già scritto nelle difficili condizioni di vita e di salute delle madri. Nati per morire verrebbe da dire. E infatti “Nati per morire” è il titolo del rapporto che presentiamo oggi in occasione del rilancio della nostra campagna Every One per dire basta alla mortalità infantile. Esistono però dei motivi per essere ottimisti, nonostante tutto. Per prima cosa, i progressi compiuti fino a oggi dimostrano che fermare il problema si può.

Volendo anche domani o oggi stesso. Basta la volontà politica di farlo. E non parlo solo di più soldi per gli aiuti ai paesi poveri che sono particolarmente colpiti dal fenomeno (sapete che con quanto si spende per armamenti, guerre ecc. potremmo risolvere tutti o quasi i problemi relativi alla povertà nel mondo). Parlo di investimenti, controlli sugli investimenti, distribuzione di aiuti. Parlo di rafforzamento dei sistemi sanitari nazionali. Di maggiore scolarizzazione e accesso all’istruzione per le donne. Di formazione degli operatori sanitari. Di costruzione di ospedali. Occorre insomma un maggior impegno della Comunità internazionale. Così come occorre un maggior impegno dei Paesi poveri nella migliore e più efficace gestione degli aiuti che ricevono.

L’altro motivo per essere ottimisti, siamo noi, Save the Children. E tutte le altre organizzazioni che lavorano sul campo con grande impegno, passione ed efficacia. Alcuni risultati ottenuti da Save the Children nel 2013: 14,4 milioni di bambini che hanno beneficiato dei nostri interventi di nutrizione; 13,2 milioni di mamme e bambini raggiunti con programmi di salute materno-infantile; 60.000 bambini nati grazie all’intervento di personale specializzato; 580.000 bambini vaccinati; 3,1 milioni di casi di malaria, polmonite, diarrea, malnutrizione trattati. Numeri (non irrilevanti). Ma dietro questi numeri, c’è il duro lavoro, la battaglia per portare l’assistenza in zone remote, dove nulla c’è. Se non l’operatore di Save the Children che con la sua bici o con i suoi piedi raggiunge mamme e bambini. Gli porta le cure. Gli fa le visite. Gli aiuta giorno per giorno. L’ho visto io tante volte nel mio lavoro. Save the Children non può di certo risolvere il problema da solo. Noi non abbiamo soldi a sufficienza. Ne abbastanza potere per farlo. Ma intanto, siamo lì. E salviamo vite. Continuiamo a lottare, finché il problema non sarà risolto. Finché non ci sarà più un bambino a cui non si potrà dare un nome e cognome. Finché tutti i bambini saranno nati per vivere.

 

Per aiutare Save the Children a combattere la mortalità infantile fino al 2 novembre sarà possibile donare  2 euro inviando un Sms al numero 45508

 

 

Scritto da Filippo Ungaro, Responsabile di Comunicazione, campaigning e volontari  di Save the Children  Italia.

[Foto in evidenza: Paolo Patruno]
Letto 812 volte

Stiamo utilizzando i Cookies per migliorare la tua esperienza online sul nostro sito. Continuando la navigazione, tu accetti l'utilizzo dei Cookies.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

INFORMATIVA SUI COOKIES DI CLICKADV SRL – VERSIONE 2015/01

Il presente sito Web, di proprietà di ClickADV srl, con sede legale in via Antiniana 2/A, 80078 Pozzuoli (NA), titolare del trattamento ai sensi e per gli effetti del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (“Codice Privacy”), utilizza i cookies e tecnologie analoghe. La presente informativa fornisce indicazioni su come sono utilizzati i cookies e su come possono essere controllati dall’utente.

L’utilizzo di questo sito Web (e di ogni altro sito gestito da noi) comporta l’accettazione, da parte dell’utente, del ricorso ai cookies (e tecnologie analoghe) conformemente alla presente informativa. In particolare, si accetta l’uso dei cookies di analisi, pubblicità, marketing e profilazione, funzionalità per gli scopi di seguito descritti.
Se l’utente accetta i cookies di profilazione, come più oltre identificati, questi saranno aggiunti al proprio profilo già esistente nelle nostre banche dati, qualora l’utente abbia prestato il consenso ad attività di marketing e profilazione in occasione della sua adesione a una o più delle iniziative condotte dal nostro sito.
Qualora l’utente non intenda accettare l’uso dei cookies per finalità di analisi, pubblicità, profilazione, ha la possibilità di modificare l’impostazione del proprio browser secondo le modalità descritte nella sezione “Come controllare ed eliminare i cookies”.

Cosa sono i cookies
I cookies sono informazioni salvate sul disco fisso del terminale dell’utente e che sono inviate dal browser dell’utente a un Web server e che si riferiscono all’utilizzo della rete. Di conseguenza, permettono di conoscere i servizi, i siti frequentati e le opzioni che, navigando in rete, sono state manifestate. In altri termini, i cookies sono piccoli file, contenenti lettere e numeri, che vengono scaricati sul computer o dispositivo mobile dell’utente quando si visita un sito Web. I cookies vengono poi re-inviati al sito originario a ogni visita successiva, o a un altro sito Web che riconosce questi cookies. I cookies sono utili poiché consentono a un sito Web di riconoscere il dispositivo dell’utente.
Queste informazioni non sono, quindi, fornite spontaneamente e direttamente, ma lasciano traccia della navigazione in rete da parte dell'utente.
I cookies svolgono diverse funzioni e consentono di navigare tra le pagine in modo efficiente, ricordando le preferenze dell’utente e, più in generale, migliorando la sua esperienza. Possono anche contribuire a garantire che le pubblicità mostrate durante la navigazione siano di suo interesse e che le attività di marketing realizzate siano conformi alle sue preferenze, evitando iniziative promozionali sgradite o non in linea con le esigenze dell’utente.
Durante la navigazione su di un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookies che sono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (es.: immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando. Possono esserci, quindi, sotto questo profilo:

  1. Cookies diretti, inviati direttamente da questo sito al dispositivo dell’utente
  2. Cookies di terze parti, provenienti da una terza parte ma inviati per nostro conto. Il presente sito usa i cookies di terze parti per agevolare l’analisi del nostro sito Web e del loro utilizzo, e per consentire pubblicità mirate (come descritto di seguito).

Inoltre, in funzione della finalità di utilizzazione dei cookies, questi si possono distinguere in:

  1. Cookies tecnici: sono utilizzati per permettere la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica o per erogare un servizio espressamente richiesto dall’utente. Non sono utilizzati per altre finalità. Nella categoria dei cookies tecnici, la cui utilizzazione non richiede il consenso dell’utente, si distinguono:
    1. Cookies di navigazione o di sessione: garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito Web (es.: per autenticarsi ed accedere alle aree riservate). L’uso questi cookies (che non sono memorizzati in modo persistente sul dispositivo dell’utente e sono automaticamente eliminati con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione d’identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito.
    2. Cookies analytics: sono utilizzati soltanto per raccogliere informazioni in forma aggregata, sul numero di utenti che visitano il sito e come lo visitano
    3. Cookies di funzionalità: permettono all’utente di navigare in base a una serie di criteri selezionati (es.: lingua, prodotti o servizi acquistati) per migliorare il servizio reso all’utente.
  2. Cookies di profilazione: sono volti a creare profili relativi all’utente e utilizzati per inviare messaggi promozionali mirati in funzione delle preferenze manifestate durante la sua navigazione in rete. Questi cookies sono utilizzabili per tali scopi soltanto con il consenso dell’utente.

Come sono utilizzati i cookies da questo sito
La tabella seguente riassume il modo in cui questo sito e le terzi parti utilizzano i cookies. Questi usi comprendono il ricorso ai cookies per:

  1. conoscere il numero totale di visitatori in modo continuativo oltre ai tipi di browser (ad es. Firefox, Safari o Internet Explorer) e sistemi operativi (ad es. Windows o Macintosh) utilizzati;
  2. monitorare le prestazioni del sito, incluso il modo in cui i visitatori lo utilizzano, nonché per migliorarne le funzionalità;
  3. personalizzare e migliorare l’esperienza utente on-line;
  4. consentire la profilazione dell’utente, per scopi promozionali mirati e personalizzati in funzione delle preferenze ed interessi manifestati in rete dall’utente, da nostra parte e di terze parti, sia su questo sito che al di fuori dello stesso.

Quali categorie di cookies utilizziamo e come possono essere gestiti dall’utente
I tipi di cookie utilizzati possono essere classificati in una delle categorie, di seguito riportate nella tabella seguente, che permette all’utente di prestare il proprio consenso o modificarlo (se precedentemente già espresso) per accettare i vari tipi di cookies:

Tipo di cookie

Finalità del cookie

Origine

Azione / Link

Cookie essenziali del sito web (di sessione e di navigazione)

Questi cookie sono essenziali per una corretta navigazione e per fruire delle funzioni del sito. Questi cookies non raccolgono informazioni personali utilizzabili a scopo di marketing, né memorizzano i siti visitati. L’uso questi cookies (che non sono memorizzati in modo persistente sul dispositivo dell’utente e sono automaticamente eliminati con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione d’identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito.  Questa categoria di cookies non può essere disattivata.

 (cookie diretti)

 

Cookie di funzionalità

Questi cookies ci consentono di ricordare le scelte effettuate (come il nome utente, la lingua o la posizione geografica) e forniscono funzioni migliorate e personalizzate. Le informazioni raccolte da tali cookies possono essere rese anonime e non tengono traccia dell’attività di navigazione su altri siti web. Questa categoria di cookies non può essere disattivata.

 (cookie diretti)

 

Cookie analytics

Questi cookies, anche i cache cookies, sono impostati da Google Analytics, sono impiegati al fine di raccogliere informazioni sul modo in cui i visitatori utilizzano il sito, ivi compreso il numero di visitatori, i siti di provenienza e le pagine visitate sul nostro sito web. Utilizziamo queste informazioni per compilare rapporti e per migliorare il nostro sito web; questo ci consente, ad esempio, di conoscere eventuali errori rilevati dagli utenti e di assicurare loro una navigazione immediata, per trovare facilmente quello che cercano. In generale, questi cookie restano sul computer del visitatore fino a quando non vengono eliminati.

Google Analytics Google

privacy policy cookie

Cookie pubblicitari o di profilazione

Questi cookies sono utilizzati per raccogliere informazioni sui siti web e sulle singole pagine visitate dagli utenti, sia sul nostro sito che al di fuori dello stesso (il che potrebbe indicare, a titolo esemplificativo, interessi o altre caratteristiche degli utenti). Tali cookies sono utilizzati per fornire pubblicità e comunicazioni commerciali più pertinenti agli interessi dell’utente, profilandolo. Sono utilizzati, inoltre, per limitare il numero di volte in cui una pubblicità è mostrata e per misurare l’efficacia delle campagne pubblicitarie. Restano sul computer dell’utente fino alla loro eliminazione e fanno da promemoria dell’avvenuta visita del sito web. Inoltre, essi possono indicare se l’utente è arrivato sul nostro sito web attraverso un link pubblicitario.
Queste informazioni vengono condivise con altre organizzazioni come gli inserzionisti e i nostri appaltatori, i quali potrebbero utilizzarle unitamente alle informazioni relative alle modalità di fruizione di altri siti web dell’utente stesso, ad esempio individuando interessi e comportamenti comuni a diversi gruppi di utenti che visitano i nostri (e altri) siti web.

Clickadv s.r.l.

opt-out - opt-in

E' possibile che vengano installati altri cookie di profilazione di terze parte, puoi verificarli ed operare l'optout accedendo qui www.youronlinechoices.com/it

Tecnologie analoghe ai cookies
Come nel caso di molti siti web, utilizziamo tecnologie analoghe ai cookies, compresi gli oggetti condivisi locali (anche noti come “flash cookie”), l’analisi della cronologia del browser, le impronte digitali dei browser e i pixel tag (anche noti come “web beacon”). Queste tecnologie forniscono a noi e ai nostri fornitori informazioni su come il sito e il suo contenuto sono utilizzati dai visitatori, e ci consentono di identificare se il computer o il dispositivo ha visitato i nostri o altri siti in passato.
I nostri server raccolgono automaticamente l’indirizzo IP dell’utente; in questo modo, possiamo associare tale indirizzo al nome del dominio utente o a quello del suo Internet Provider. Potremmo anche raccogliere alcuni “dati clickstream” relativi all’utilizzo del sito. I dati clickstream includono, ad esempio, informazioni relative al computer o dispositivo utente, al browser e al sistema operativo e relative impostazioni, alla pagina di provenienza, alle pagine e ai contenuti visualizzati o cliccati durante la visita oltre ai tempi e alle modalità di tali operazioni, agli elementi scaricati, al sito visitato successivamente al nostro, e a qualsiasi termine di ricerca inserito su nostro sito o su un sito di reindirizzamento.

Come controllare o eliminare i cookies
L’utente ha il diritto di scegliere se accettare o meno i cookies. Nel seguito alcune informazioni su come esercitare tale diritto. Tuttavia, si ricorda che scegliendo di rifiutare i cookies, l’utente potrebbe non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito e, se ha prestato consenso alla profilazione in altre occasioni, le comunicazioni che riceverà potrebbero essere poco pertinenti ai suoi interessi. Si evidenzia, inoltre, che se si sceglie di gestire le preferenze dei cookies, il nostro strumento di gestione dei cookies imposterà comunque un cookie tecnico sul dispositivo per consentirci di dare esecuzione alle preferenze dell’utente. L’eliminazione o la rimozione dei cookies dal dispositivo utente comporta anche la rimozione del cookie relativo alle preferenze; tali scelte dovranno, pertanto, essere nuovamente effettuate.
È possibile bloccare i cookie usando i link di selezione presenti nella tabella sopra riportata. In alternativa, è possibile modificare le impostazioni del browser affinché i cookies non possano essere memorizzati sul dispositivo. A tal fine, occorre seguire le istruzioni fornite dal browser (in genere si trovano nei menu “Aiuto”, “Strumenti o “Modifica”). La disattivazione di un cookie o di una categoria di cookies non li elimina dal browser. Pertanto, tale operazione dovrà essere effettuata direttamente nel browser.
Per ulteriori informazioni sui cookie, anche su come visualizzare quelli che sono stati impostati sul dispositivo, su come gestirli ed eliminarli, visitare www.allaboutcookies.org.

Cookie impostati precedentemente
Se l’utente ha disabilitato uno o più cookies, saremo comunque in grado di utilizzare le informazioni raccolte prima di tale disabilitazione effettuata mediante le preferenze. Tuttavia, a partire da tale momento, cesseremo di utilizzare i cookies disabilitati per raccogliere ulteriori informazioni.

Ti interesserà pure